Acqua, ancora problemi in località Campostefano. Nardone scrive all’Ato5 – Bloccata l’erogazione

ARCE – Acqua, ancora problemi. Ora il gelo spacca i vetri dei contatori bloccando l’erogazione.
Rubinetti a secco da diversi giorni nella zona Pantanaccio, in località Campostefano. Diversi cittadini lamentano l’interruzione della fornitura idrica che sarebbe dovuta a problemi legati al freddo, alla rottura dei contatori e alla pressione eccessiva venutasi a creare a seguito delle riparazioni eseguite nei giorni scorsi. Giovanni Nardone, nella duplice veste di presidente provinciale di Federconsumatori e consigliere comunale di Arce, ha scritto una nota all’amministratore delegato dell’Acea Ato 5, dottor Magni.
«Vengo informato – scrive Nardone nella missiva – dalle doglianze di alcuni cittadini del comune di Arce e soprattutto della Contrada Capostefano-Pantanaccio che da giorni sono senz’acqua potabile. A quanto pare – spiega il consigliere – ci sarebbero problematiche connesse alla rottura dei vetri dei contatori causata dalle basse temperature e ad oggi non ancora sostituiti. Tale fatto provoca disagi per diverse famiglie della zona, alcune delle quali hanno persone anziane e diversamente abili. Vi prego pertanto – si conclude la lettera – di intervenire in merito con cortese sollecitudine».
Anche in località Colleolivo, dopo la “contesa” riparazione è stata segnalata l’esistenza di una grossa perdita nei pressi del civico 39.
«Sono venuti a riparare la perdita prima dell’incrocio con la via Marzi – dice un abitante del posto – non intervenendo su un importante guasto da me segnalato da almeno quattro, cinque settimane. Il problema è che in questo caso l’acqua si riversa dentro la mia proprietà creando seri problemi alla mia abitazione. E’ possibile – si chiede l’uomo – che anche per poter vedere riparato un guasto si debba tenere in ballo la politica? Vorrei sapere quale procedure seguono le segnalazioni effettuate con tanto di codice assegnato».

 

14