‘Arce Futura’ riparte da zero – L’assemblea dei soci ha eletto Antonio Campagiorni

ARCE – Nuovo direttivo, nuova sede, vecchio presidente. L’associazione politico-culturale “Arce Futura”, dopo le dimissioni dei sette soci fondatori su otto, si riorganizza. Nei giorni scorsi si è tenuta l’assemblea degli iscritti ed approvato il cambio di sede. Antonio Campagiorni è stato riconfermato dal direttivo presidente mentre la nuova sede è stata stabilita in via Valle 82.
La rinnovata associazione intende proseguire il cammino iniziato in occasione delle primarie nazionali che hanno portato Matteo Renzi a capo della segreteria del partito Democratico. Nelle prossime settimane, inoltre, si cimenterà anche nella scelta della nuova classe dirigente che dovrà governare Arce per i prossimi cinque anni. A tale proposito, il presidente Campagiorni, per mettere a tacere le voci che lo vedono come sostenitore del sindaco uscente, tiene a precisare che “Arce Futura” sosterrà la candidatura a primo cittadino di chiunque venga scelto dal partito. Il punto è che il partito, a livello locale, già ha indicato in Roberto Simonelli il candidato da sostenere nelle prossime amministrative.
«Speriamo – si legge nella nota dell’associazione – che nelle prossime ore si possa recuperare ogni rapporto di collaborazione con il Partito Democratico locale perché abbiamo tutti a cuore un unico obiettivo: il bene del nostro paese. Il presidente Campagiorni – si legge in conclusione – ha ricevuto il mandato di aprire il rinnovato sodalizio alla comunicazione e al dialogo affinché si possa raggiungere un equilibrio e una volontà comune che porti i vantaggi alla popolazione di Arce passando attraverso partito e associazione».
 

23