Arce – Pontinia 1-1 – Le indicazioni che avrebbe dovuto dare oggi l’Arce erano ben altre, il rientrante Valev, inserito sulla sua zona preferita, la fascia sinistra, doveva integrare un attacco di tutto rispetto per dare quel tocco di pericolosità che dovrebbe imporsi a molti altri team e garantire un campionato di tranquillità. Le cose sono andate in altro modo, gli ospiti, in tutta la loro modestia, subito il primo impatto, hanno tenuto testa e in troppe occasioni messo in pericolo il reparto difensivo Arcese

Arce :  Leonette. Macioce, Iori, Iannitti, Cappelli, Fiorentini, Bottoni, Massari A., De Angelis, Ferdinandi, Valev. A disp.: Pesce, Di Vito, Tasciotti,. Evangelista, Colella, Guida, Massari C.  All. Sig. Scagliarini

Pontinia : Marinelli, Benhadda, Dongu, Scagion, Stefanelli, Badini, Battistuzzi, Carchitto, Icolingo, Forzan, Lecce. A disp.: Villani, De Marni, Cerrocchi, Restante, Fiorito, Fiorini. All. sig. Cencia

Marcatori : De Angelis 45° pt (Arce) – Stefanelli 93° (Pontinia)
Sostituzioni : (Arce) Iannitti x Colella (52°), Bottoni x Di Vito (60°), Valev x Massari C. (85°) – (Pontinia)Sagion x Fiorini (37°), Lecce x Cerrocchi (56°), Incolingo x Fiorito (74°)
Ammonizioni : De Angelis (Arce) – Carchitto (Pontinia)
Arbitro  Sig. Leronni (Rm. 1)

 

ARCE – La gara ha comunque marcato la superiorità dei giallo-blu, le occasioni sono nettamente a favore, ma forse, a nostro avviso, il gioco troppo concentrato sulla zona di Valev, ha prodotto poco e, forse, l’alternare anche dall’altra parte il movimento poteva, disorientare l’avversario creandogli qualche problema in più. Le occasioni non sono molte, ma sicuramente indicative, Valev è incontenibile sulla sinistra, al 10° un fraseggio con Bottoni lo mette in condizioni di tirare ma viene anticipato una frazione di secondo prima dalla difesa, al 16° ancora Valev servito Da Ferdinandi al volo manda di poco sulla traversa, si fanno vedere finalmente i Pontini al 25° con Carchitto, che su una respinta della difesa Arcese, raccoglie centrale dalla lunetta e fa venire i brividi a Leonetta. E’ il finale di tempo che l’Arce spinge di più consapevole dei propri mezzi e tra il 40° e il 45° mette gli ospiti alle corde, con Ferdinandi al centro dell’attacco che dirige le operazioni. E’ invece il mobilissimo De Angelis, che cerca quasi da solo la palla, raccoglie un cattivo disimpegno dei difensori ospiti e con fendente a mezza altezza beffa il pur bravo Marinelli sulla sua sinistra per il vantaggio Arcese.
La poca consistenza dei Pontini fa sperare da subito alla goleada, ma non è così, l’Arce stranamente arretra  e si limita alle ripartenze se pur pericolose, concentrando sempre sullo stesso uomo il gioco. La prevedibilità delle azioni diventa palese e gli ospiti avanzano pian piano il baricentro, le azioni dell’Arce si fanno sempre più sporadiche  e tentano più a difendere un esiguo risultato che ha consolidarlo, al 25° i Pontini vanno in rete, ma il guardalinee vede un fuorigioco e l’arbitro annulla, è solo un brutto segno. Nei minuti successivi l’Arce prova ad imprimere velocità alla manovra e tra il 30° e il 33° va vicinissimo al raddoppio, sempre con Valev, prima con un tiro da trenta metri poi solo davanti a Mrinelli altezza area piccola defilato sulla sinistra manda sul palo esterno. La pressione degli ospiti è al massimo ma inconcludente, la retroguardia dell’Arce tiene bene, ma quando si pensa solo a difendere, spesso si incappa nel colpo a sorpresa che non ti aspetti e nel batti e ribatti, con palle buttate in area Arcese, il colpaccio ci può stare ed al 93°, punizione dalla tre quarti sinistra Arcese di Cerrocchi, indovina il velo di Stefanelli che insacca rasoterra nella sorpresa di tutto il L. De Santis ammutolito. Tra l’esultanza degli ospiti e l’amaro dei giall-blu non c’è nemmeno il tempo di rimettere la palla al centro; speriamo serva da lezione, quest’ anno le potenzialità dell’Arce sono diverse dallo scorso anno.

 

40
Da: ; ---- Autore: