Arce – S. Michele 0-4 – Pesante sconfitta per i locali, un San Michele spietato travolge l’Arce

Arce: Leonetta, Macioce, Di Vito, Massari A., Cappelli, Fiorentini, Musciano (62° Bottoni), Colella (47° Massari C.) (77° Tasciotti),  De Angelis, Ferdinandi, Valev. A disp.: Pesce, Iori, Tasciotti, Guida, Della Bona, Bottoni, Massari C.  All. sig. Scaglirini

S. Michele
: Pepe, Di Muro, Mercuri, Ambrosi, Taveri, Soaud, Noviello (71° Parente), Picciotto, Flamini (84° Gravina,. Cocuzzi (86° De Paolis), Pignatello. A disp: Cardinale, Ciampini, Varano, De Paolis, Costanzi, Parente, Gravina.  All. sig. Gravina

Marcatori: (S. Michele)  12°, 28° Cocuzzi,  74° Flamini,  93° Ambrosi

Ammoniti : (Arce) Massari A., Cappelli, Fiorentini – (S. Michele) Ambrosi, Picciotto

Arbitro: sig.Rizzotto (Roma 2)

ARCE -I segnali erano chiari già da qualche settimana, ma la conferma della completa assenza di gioco, oggi è stata schiacciante, la scarsa forma di troppi elementi, un centrocampo pressoché azzerato da un vano tentativo di scavalcarlo con lanci che mai arrivavano a destinazione, fasce non all’altezza di portare palloni giocabili a ridosso dell’area di rigore, ha determinato una pesante e umiliante sconfitta sul terreno del L. De Santis. Agli attenti ospiti è bastato solo aspettare i madornali errori che gli hanno permesso di presentarsi a tu per tu con l’impotente Leonetta, per essere trafitto in modo inesorabile.
Gli episodi da raccontare sono pochissimi in quanto i Pontini del S. Michele hanno avuto contatto con il nostro ultimo difensore solo e solamente in occasione delle segnature ad eccezione dei primi quindici minuti, dove la vulnerabilità della retroguardia, dava al n. 10 Cocuzzi, al 12° del pt., l’occasione per procurarsi un netto calcio di rigore per atterramento da tergo che lui stesso trasformava. La reazione dell’Arce era sconnessa e priva di qualsiasi fondamento per un ipotetico riscatto, al 16° De Angelis aveva un’opportunità che su servizio di Musciano, si portava a breve distanza dal portiere avversario, ma tirava debole con facile intervento di Pepe. Dopo una punizione al 27° Valev che si stampa sulla traversa, un minuto dopo gli ospiti vanno facilmente al raddoppio, in un fraseggio difensivo tra Cappelli e Fiorentini, quest’ultimo si fa soffiare il pallone ancora dal n. 10 di prima che va da solo davanti a Leonetta e lo trafigge sulla sua destra, quasi non ci credono, si chiude il primo tempo con una sola occasione per raddrizzare una gara ormai segnata, Valev al 39° si libera a centro area e gira preciso all’angolo più lontano rasoterra, ma Pepe si supera in allungo e devia in angolo.
Nella seconda parte di gara ci si aspettava  una correzione radicale della disposizione in campo, era evidente a tutti della inesistenza del centrocampo, ma forse un po’ di presunzione di mister Scagliarini, lo induce ad innalzare la linea difensiva mantenendo un fraseggio  che non imposta, la pensata resiste per mezz’ora circa, comunque in totale confusione di gioco, agli ospiti non gli è difficile capire che bastava solo aspettare l’ennesimo errore difensivo che arriva puntuale al 74° il n. 9 Flamini approfitta del solito mancato controllo, stavolta di Macioce e se ne va a realizzare il tre a zero solo davanti ad un Leonetta incredulo. Lo sbandamento è totale, sostituzioni avventate, schemi da partita scapoli-ammogliati, permettono ai Pontini di portare a quattro le segnature a tempo ormai scaduto,93°,  con un colpo do testa del difensore Ambrosi che sfrutta un cross su punizione dal vertice destro dell’area di rigore. Si chiude la gara nella disperazione più completa dei giallo-blu e di quel pubblico che segue la squadra nel bene e nel male.

 

27
Da: ; ---- Autore: