Assalto in villa – Si stringe il cerchio delle indagini

ARCE – Assalto in villa a mano armata, si stringe il cerchio intorno ai 4 rapinatori.
Proseguono serrate le indagini sull’episodio avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì in una villa di via Campanile, che ha visto una famiglia di tre persone trascorrere diverse ore nelle mani di quattro malviventi armati di pistole che dopo essersi introdotti nell’abitazione, si sono diretti nelle camere svegliando di soprassalto i proprietari.
Secondo una prima ricostruzione dei fatti, i rapinatori avrebbero dapprima immobilizzato i tre nelle rispettive camere da letto. Poi li avrebbero legati  e minacciati con due pistole per farsi consegnare il denaro. Un’operazione che si sarebbe svolta in tempi molto lunghi, forse più di due ore. I tre sarebbero stati anche malmenati e feriti al volto. Il figlio, inoltre, è stato colpito alla testa con un giravite, riportando diverse escoriazioni, perché avrebbe cercato di liberarsi da una cravatta che gli era stata stretta al collo e con la quale è stato tirato verso terra. I malviventi avevano un accento straniero, probabilmente dell’Europa dell’Est, conoscevano poco la lingua italiana. Alla fine i banditi sono comunque riusciti a impossessarsi di circa undicimila euro in contanti, di alcuni preziosi di famiglia, di un orologio di valore, un televisore a led di svariate migliaia di euro e diversi oggetti e indumenti personali di marca. Prima di dileguarsi hanno legato e chiuso in una stanza la famiglia. Il figlio alla fine è riuscito a liberarsi e a dare l’allarme.
Sul posto sarebbero arrivati i carabinieri di Arce che, in piena notte, hanno avviato in tutta la zona una vera e propria caccia ai banditi che fino ad ora pare non abbia dato esito negativo. Tuttavia, le indagini proseguono e il cerchio si stringe intorno ai rapinatori.

26