Bilancio di previsione approvato ‘Il nostro comune è virtuoso’ – Le tasse non sono aumentate, previste esenzioni per mensa e scuolabus

Approvato nel corso dell’ultima assise civica il bilancio di previsione per l’anno 2014 e le aliquote dell’Imposta Unica Comunale. A mostrare soddisfazione è il sindaco, Giampiero Forte, che all’inizio della discussione ha evidenziato il fatto che l’Amministrazione ha evitato qualsiasi aumento della pressione fiscale locale, confermando le aliquote Imu al minimo e prevedendo per la Tasi la sola aliquota base prevista dal legislatore. Altro aspetto importante il rinvio dell’introduzione della Tari, beneficiando di una deroga concessa alla normativa. Spiega il sindaco: «Rivendico con orgoglio il mantenimento degli impegni presi nella campagna elettorale della scorsa primavera, quando avevo assicurato che a Santopadre, nonostante Tuc, la Tasi, la Tari, la Trise e adesso la Iuc, le tasse non sarebbero aumentate né nel 2014, né gli anni a venire». Ha spiegato il sindaco Forte: «Sempre in tema di promesse elettorali mantenute, in questo bilancio resta confermato che a Santopadre il costo della politica è pari a zero, con la rinuncia del Sindaco, degli assessori e di tutti i consiglieri ad ogni forma di indennità e rimborso spese. Viene confermata, inoltre, – aggiunge il primo cittadino – l’abolizione del pagamento delle lampade votive e restano invariate anche tutte le altre tariffe, prevedendo anche l’esenzioni totale per il pagamento del servizio scuolabus e del servizio mensa al di sotto di un reddito Isee di 2.500 euro». Conclude il primo cittadino: «Santopadre si conferma un Comune virtuoso, con un bilancio solido ed in equilibrio strutturale, che nel 2014, nonostante l’anno elettorale, non ha acceso mutui, che dal 2010 non fa più ricorso all’anticipazione di cassa e che, anche per questo bilancio di previsione, non ha previsto l’applicazione dell’avanzo di amministrazione conseguito nel 2013 pari a circa cento mila euro».

Share Button