Briganti: patrioti o delinquenti? – Un convegno per comprendere il fenomeno del brigantaggio post-unitario Arce

Il prossimo sabato 5 marzo alle ore 17:00 presso la sala consiliare Renzi del comune di Arce, nell’ambito dei festeggiamenti in onore del 150° anniversario dell’unità d’Italia, si terrà un convegno sul tema del controverso fenomeno del brigantaggio che caratterizzò i primi anni di vita della nostra nazione. L’iniziativa, coordinata dall’associazione politico-culturale Progresso e Solidarietà con il patrocinio del Comune di Arce, dal titolo “ I Briganti. Patrioti o Delinquenti?”, vedrà gli interventi del Sindaco di Arce Roberto Simonelli, dell’Assessore alla Cultura Brigida Fraioli, di Pierluigi Moschitti, ricercatore etnomusicale, dell’esponente di dell’associazione Politico Culturale "20 ottobre" Oreste Della Posta, di Vincenzo Di Branco, studioso di storia, e di Romeo Fraioli del Centro Studi “Bernardo Nardone. “Avere coscienza del nostro passato – ha dichiarato Luisa Carducci dell’associazione politico-culturale Progresso e Solidarietà che curerà il coordinamento dell’evento – è il modo migliore per apprezzare e celebrare i 150 anni di unità del nostro paese”. In buona sostanza l’incontro cercherà, attraverso le relazioni degli studiosi e appassionati, di comprendere e far comprendere se il fenomeno del brigantaggio post-unitario sia da contestualizzare come una sorta di resistenza all’invasione del territorio del Regno delle Due Sicilie da parte dell’esercito piemontese o se deve essere considerato come semplice banditismo e, quindi, volto alla deliquenza e depredazione in un periodo di forte incertezza politica dovuto all’avvicendarsi tra il casato Borbonico e i nuovi governanti piemontesi. E’ una questione molto controversa, certamente non si pensa di dirimerla con un convegno ma, ne siamo sicuri, sarà un’ottima occasione di dibattito e desterà la curiosità di quanti conoscono appena questa parte della nostra storia.

29