Canapa indiana in giardino – L’operazione è l’epilogo di una lunga serie di indagini svolte dai carabinieri

ARCE – Una coltivazione di canapa indiana in casa.
I carabinieri della stazione di San Giovanni Incarico, coordinati dal maresciallo capo Mauro Scappaticci hanno sequestrato, in una privata abitazione di Isoletta D’Arce, tre piante di Canapa indiana: denunciato un 38enne del posto. I militari proseguendo l’indagine che nei mesi scorsi e, in più riprese, aveva portato al sequestro di droga e alla denuncia di alcuni giovani del posto coinvolti, probabilmente, in un ampio giro di spaccio di sostanza stupefacenti e, in alcuni casi, per uso personale sono riusciti, con professionalità, a mettere a segno questo ennesimo colpo contro la detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Sono riusciti a scovare una piantagione domestica tenuta ben nascosta, tra alcune piante, dal 38enne nei pressi della propria abitazione. Durante una perquisizione mirata, avvenuta la notte tra domenica e lunedì, sono riusciti a trovare le tre piante di canapa indiana coltivate in singoli vasi, in una zona che costeggia il cavalcavia di Isoletta, la cui altezza superava circa 2 metri e mezzo. Dopo il rinvenimento delle tre piante hanno proceduto al sequestro denunciando, in stato di libertà. La notizia di questa operazione diffondendosi, nel tardo pomeriggio di ieri, ha visto il plauso di un gran numero di residenti della zona preoccupati per l’incolumità dei propri figli ma, rassicurati, dal quotidiano lavoro dei carabinieri di San Giovanni Incarico, sempre accanto ai cittadini con azioni di prevenzione finalizzate alla repressione dei reati in materia di sostanze stupefacenti e micro criminalità. Un lavoro, questo, ampiamente supportato dal comandante della Compagnia di Pontecorvo, il capitano Pierfrancesco Di Carlo, vicino ai suoi uomini e ai cittadini del territorio attraverso un servizio efficace ed efficiente.

9