Caso Fabozzi, un rinvio a giudizio – Nei guai un 57enne di Latina per l’investimento dell’anziana

ARCE – Investimento sulla strada regionale Casilina della signora Emilia Fabozzi: c’è il rinvio a giudizio per un imputato. Il sostituto procuratore della Repubblica, dottoressa Arianna Armanini ha infatti depositato la richiesta di rinvio a giudizio per F.I., 57enne residente a Latina, per l’investimento dell’anziana donna travolta e uccisa lo scorso 22 dicembre. Questi i fatti: l’imputato, a bordo della sua Fiat Panda «per colpa consistita in negligenza, imprudenza e imperizia – si legge nel dispositivo di richiesta di rinvio a giudizio – nonché nell’inosservanza delle norme sulla circolazione stradale, investiva il pedone Emilia Fabozzi che attraversava sulle strisce pedonali, omettendo di darle la dovuta precedenza». Nelle perizie agli atti risulterebbe altresì, che l’autovettura procedeva ad una velocità di 85 km/h. La vittima, come conseguenza delle lesioni riportare nell’urto, perse la vita. A seguito della richiesta di rinvio a giudizio, il giudice, dottor Angelo V. Lanna, ha fissato l’udienza preliminare in Camera di Consiglio per il giorno 25 maggio 2015. L’imputato dovrà rispondere di omicidio colposo. La famiglia della signora Emilia Fabozzi è assistita dal legale Roberto D’Auria di Arce, che con molta attenzione ed impegno segue l’evolversi della situazione. L’incidente mortale occorso alla signora Fabozzi mise nuovamente in discussione la sicurezza della via Casilina, principale arteria che attraversa Arce e che nella sua storia ha fatto registrare diversi incidenti più o meno gravi, culminati con il tragico episodio del dicembre scorso occorso alla signora Emilia.

32