Cena di beneficenza un successo inaspettato – Ricordato il caro amico Battista scomparso prematuramente, una figura storica sin dalla prima edizione

ARCE – Una cena di beneficenza per il trentennale della Passione Vivente di Arce all’insegna del successo.
E’ quella tenuta ieri sera presso un noto ristorante del centro storico di Arce. Ma, prima dell’inizio, il presidente della Pro Loco Memmo Polselli  ha ricordato chi non c’è più, infatti, dall’ultima edizione sono stati, purtroppo, tre i personaggi che sono venuti a mancare: Bernardo Mollicone, Eleuterio Marzilli e proprio l’altro ieri Battista Grimaldi. Prendendo la parola l’avvocato Dario De Santis, regista dell’evento, ha ricordato proprio le caratteristiche di chi è venuto a mancare, e gli altri amici che non ci sono più dalle altre edizioni precedenti.
Da sottolineare la presenza degli amministratori arcesi, che grazie al loro contributo hanno garantito la 30esima edizione, il vice sindaco Lucio Simonelli, l’assessore al Bilancio Marco Marzilli, l’assessore alla Cultura Brigida Fraioli, l’assessore alle Politiche Sociali Domenico Sugamosto e da parte dell’opposizione, il consigliere Marcello Marzilli.
Nonostante il forte maltempo che in questi giorni imperversa nel nostro territorio, e, le varie assenze giustificate, oltre novanta sono state le presenze alla cena di beneficenza, un vero e proprio record. Con le note dell’Inno di Mameli, eseguito dal multimedia di Arcenews prima della cena, è stato anche onorato il 150esimo dell’Unità d’Italia. 
Durante la cena, è stata istituita una lotteria per autofinanziare la manifestazione, sono stati programmati i vari incontri con i settori delle comparse per le prove, e la verifica delle iscrizioni. Anche qui una gradita sorpresa: l’aumento delle iscrizioni di cittadini di Arce  e comuni limitrofi.
Seguendo il sito ufficiale della Passione Vivente (www.passionevivente.it), è possibile seguire tutta la programmazione dell’organizzazione dell’evento che quest’anno è giunto alla trentesima edizione.
40
Da: ; ---- Autore: