Certificazioni di qualità – E’ polemica sulla tempistica

Una certificazione di qualità attribuita alla Saf di Colfelice che ha suscitato la sorpresa, per usare un eufemismo, del vicepresidente della Provincia Fabio De Angelis che ha affermato:
«In questi ultimi giorni abbiamo appreso che l’impianto di Colfelice della Saf ha ottenuto le certificazioni Iso 9001 e iso 14001 da parte di un importante società di certificazione, di cui non viene fatta menzione ma che viene presentata ai vertici della Saf tra le più autorevoli d’Europa. La notizia merita una riflessione in particolare per la tempistica con cui sarebbero state concesse tali certificazioni. La notizia, infatti, è stata resa pubblica il 20 maggio lo stesso giorno in cui era in corso il sopralluogo dei tecnici della Regione Lazio, della Provincia di Frosinone e dell’Arpa per la verifica della documentazione prodotta per il rilascio dell’autorizzazione necessaria all’esercizio dell’impianto. Infatti, ad oggi è ancora in corso la conferenza dei servizi per il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale la cui conclusione è attesa per i primi giorni di giugno. L’Aia obbligatoria per gli impianti come quello di Colfelice prevede limiti più stringenti e garantisce maggiori controlli per la tutela dell’ambiente e della salute e richiede un procedimento molto complesso che non ha certamente esiti scontati. Ci chiediamo come sia stato possibile da parte di una così importante società di certificazione esprimersi prima che gli enti preposti alla verifica ed al rilascio delle autorizzazioni abbiano concluso il loro lavoro».

18