Comune e associazione Valle del Liri, neanche l’ulivo riesce a portare pace – Dal Comune nessuna risposta alla proposta di Corsetti

ARCE – Un ulivo, non vale la pace. Sembrano essere ancora molto tesi i rapporti tra l’Amministrazione comunale di Arce e l’Associazione Intercomunale “Valle del Liri”.
Dopo gli strali sul mancato pagamento dell’affitto della sede nel Palazzo municipale da parte dell’associazione e la contestata morosità del Comune, relativa a diversi anni di quote sociali, i due enti tornano a far parlare di se. Nel luglio scorso il presidente Iliano Corsetti aveva avanzato la possibilità da parte dell’Intercomunale di poter mettere a dimora un ulivo secolare in piazza Umberto I ad Arce e che a tal fine chiedeva il consenso dell’Amministrazione comunale, l’indicazione del luogo dove era possibile eseguire i lavori per la posa con tutte le relative autorizzazioni. A quanto pare il Comune, a distanza di quasi due mesi, non avrebbe ancora oggi dato alcun cenno di proposta formalizzata dall’Associazione.
«Continuo a proporre, anche se modesti come in questo caso, benefici per il paese» ha detto il presidente Iliano Corsetti, amministratore di lungo corso al Comune di Arce.
«Non comprendo e non condivido – ha ripreso – questo modo di amministrare». «Da parte mia, nonostante tutto, non sono mai mancate la proposta, l’iniziativa e il pungolo a fare meglio e di più per i nostri territori». «Sono altri – ha concluso Corsetti – che devono spiegare perché vogliono continuare a rifiutare opportunità e penalizzare gli arcesi e quanti hanno a cuore questo paese».

19