Delitto Mollicone alla prova del Dna – Incidente probatorio fissato per il 21

ARCE – Delitto Mollicone, fissata la data per l’incidente probatorio. I sei indagati in aula il 21 luglio.
Giovedì prossimo F., M. e M. M., rispettivamente padre, figlio e madre; F. S.; M.F., ex fidanzato della 18enne uccisa nel 2001 e la madre di quest’ultimo, R.P., dovranno comparire al cospetto del gip Valerio Lanna.
Al momento l’imputazione è omicidio volontario, con l’aggravante della crudeltà, e occultamento di cadavere. Tuttavia, le singole posizioni potrebbero subire variazioni proprio a seguito delle risultanze che emergeranno dall’esame del Dna. Un’analisi, questa, che ricomporrà cronologicamente l’omicidio variandone la dislocazione spazio-temporale, facendo luce sulle differenti e, ovviamente ancora presunte, responsabilità. Dunque, se nella fase investigativa l’ipotesi di reato è univoca le imputazioni saranno diverse a seconda della nuova ricostruzione possibile, questo grazie alle tecnologie di cui oggi dispone la scienza criminologica.
Il sentore è che a dieci anni dall’efferato delitto finalmente il caso sia vicino alla svolta.
Intanto, la comunità attende e la famiglia Mollicone torna a sperare. All’orizzonte un nuovo processo che riportando l’orologio indietro di dieci anni riaprirà uno squarcio sui rapporti che all’epoca dei fatti legavano le persone coinvolte, riportando chiarezza nel buio che fino ad ora ha coperto come un velo il paese di Arce.

18