Doppio pareggio per le ciociare – Cassino – Gela e Vibonese – Isola Liri 0-0

Il Cassino ferma la capolista Gela, l’Isola impatta con la Vibonese in trasferta

Escono due pareggi a reti inviolate sulla ruota delle ciociare, due 0 a 0 che lasciano pochi spunti di cronaca, si parte con la trasferta, seconda consecutiva dell’Isola Liri che riesce strappare un prezioso punto in casa della Vibonese che non è certamente una delle formazioni più accreditate in questo raggruppamento.
Alla fine della contesa la consapevolezza che un punto va bene, ma occorre invertire la rotta con delle vittorie che portano morale e punti soprattutto, la gara in terra calabrese era cominciata con le assenze di D’Alessandro e Mucciarelli ancora fermi per infortunio, nel primo tempo netta la supremazia dei padroni di casa che hanno schiacciato nella loro area i ciociari, anche se ad onor di cronaca ci sarebbe da discutere su un possibile calcio di rigore non concesso con conseguente espulsione alla formazione di mister Grossi che poi in fase d’intervista recrimina su questa decisione non presa in considerazione.
Dopo una prima frazione di non gioco nella ripresa sale di tono l’Isola che diventa padrona del gioco tanto da sfiorare la marcatura in almeno tre occasioni senza contare quella più clamorosa capitata a Paolacci che si vede respinta la conclusione dal palo della porta della Vibonese, peccato poteva essere la rete della vittoria, ma un punto rimediato in casa di una diretta concorrente per la salvezza alla fine è meglio di niente.

Domenica prossima allo stadio Nazareth arriva la neo capolista Catanzaro e qui servirà la partita perfetta per regalare un’emozione forte a tutto il gruppo isolano.
Il Cassino da parte sua dopo una gara molto attenta ferma la capolista Gela che dopo 90 minuti di gioco ad un buon livello si accontenta e torna in Sicilia lasciando la vetta della classifica al Catanzaro.
Forti emozioni per il pubblico, ancora latitante del Salveti, che riabbraccia due ex beniamini, Evan Cunzi in tribuna causa un serio infortunio e Marco Vianello con la maglia numero 7che è stato uno dei migliori della formazione ospite, molto bello l’applauso che la tribuna gli ha tributato al momento della sostituzione, quando mancavano 10 minuti al termine della contesa.
Assente per squalifica Bianciardi mister Pellegrino mescola le carte in campo schierando centrale in coppia con Merli Sala Agius e dirottando sull’out destro Camorani, Konè, Giannone e Frisenda a centrocampo con Mezgour perno centrale offensivo alle sue spalle operano come di consueto Scappaticci e Romeo, Indiveri tra i pali e capitan Martinelli sulla fascia sinistra.
Dall’altra parte formazione d’attacco per mister Provenza con l’uso di tutti i riferimenti d’attacco possibili, Pasca, Criniti, Cammarota e Vianello ma nonostante un attacco sontuoso, la gara è per larghi tratti in mano ai locali che alla fine possono vantare una supremazia territoriale che non solo legittima il pareggio ma che fa rimpiangere la mancata vittoria.
Bella la prova di Frisenda che nella posizione in cui lo ha fatto giocare Pellegrino dimostra un gran carattere risultando alla fine il migliore in campo.
La gara si snoda su binari d’assoluta parità e rispetto, alla fine nessun ammonito tra i 22 atleti in campo, prevalenza di gioco a centrocampo con folate sulle fasce da parte del Cassino che vanta un maggior numero di tiri verso la porta, conclusioni che in almeno un paio d’occasioni vengono sventati con bravura dall’ottimo portiere siciliano, alla fine un punto per uno che fa classifica.

Domenica il Cassino ancora contro una siciliana, alle 14.30 scenderà in campo a Barcellona Pozzo di Gotto dove affronterà l’Igea Virtus in una gara da vincere assolutamente.

La gara sarà trasmessa in diretta radiofonica sulle frequenze di RadioCassinoStereo e in diretta WEB su www.arcenews.it con il commento di Max Marzilli .

51
Da: ; ---- Autore: