Ex Onmi: ecco il bando per ristrutturarlo – Pubblicata la determina per affidare i lavori. Le perplessità di Marcello Marzilli

Al via il bando di gara per la ristrutturazione del fabbricato ex Onmi. E’ stata pubblicata nei giorni scorsi la determina del responsabile dell’ufficio tecnico comunale con la quale il comune intende affidare i lavori di ristrutturazione dello stabile di via Guglielmo Marconi. La struttura, che fino al 2009 era sede dell’asilo nido comunale, è destinata ad ospitare, una volta ristrutturata, la nuova sede della Brigata della Guardia di Finanza di Ceprano. Il finanziamento di 350 mila euro concesso dalla giunta regionale a dicembre 2014, però, è stato a più riprese oggetto di interrogazioni al presidente Zingaretti per presunte anomalie procedurali che potrebbero finire per inficiare l’opera. Oltre all’assenza di un parere della commissione regionale competente, infatti, sarebbe stata rilevata l’esistenza di due progetti per la stessa struttura con importi di spesa che differiscono di circa 300 mila euro. Sulla questione è intervenuto anche l’ex consigliere comunale Marcello Marzilli, oggi esponente del movimento “Arce nel Cuore – Patto per il Futuro”. «Ma perché – chiede Marzilli – nel settembre 2009 l’asilo nido di Arce fu chiuso? Non è che, per caso, l’amministrazione comunale di quel tempo, che è la stessa di oggi, ritenne che la struttura fosse a grave rischio sismico e ne decretò così la fine distruggendo un servizio storico per le famiglie di Arce e non solo? In tal caso – fa notare ancora – alla luce dei lavori ora progettati, o si sbagliava a quel tempo o si sbaglia ora, perché se non erro nel disciplinare che indica i lavori che saranno eseguiti in favore dell’ex asilo non sono indicati interventi di consolidamento sismico, ma solo opere di manutenzione».

15