Finanziamenti regionali per famiglie in difficoltà, Fraioli:perché Arce no? – L’ex presidente della Riserva

ARCE – «Interventi a sostegno dei nuclei familiari in situazioni di disagio socio-economico, perché i cittadini del comune di Arce non possono accedere ai finanziamenti previsti dalla legge regionale?».
E’ la domanda che si pone Antonio Fraioli, ex presidente della Riserva Naturale d’Isoletta, agli amministratori del comune di Arce.
«Molti cittadini arcesi – ha detto Fraioli – mi hanno chiesto informazioni sull’avviso pubblico fatto da diversi comuni limitrofi al nostro. Un bando – spiega ancora Fraioli – che fa riferimento alla legge regionale n. 32 del 2001 con la quale si fissano interventi in favore alle famiglie in difficoltà. Facendo una piccola ricerca, è emerso che effettivamente gli enti locali facenti parte al Consorzio dei Comuni del Cassinate si sono attivati per questa opportunità, mentre al comune di Arce neanche sapevano di cosa si stesse parlando. Non c’è traccia di questo tipo di bando – rincara ancora l’ex presidente – nemmeno sul sito web dell’Aipes, l’associazione intercomunale per il sociale di cui fa parte Arce. Le domande scadevano lo scorso 30 aprile e a questo punto credo che ci sia poco da fare. Ma – ha aggiunto ancora – credo sia giusto sollevare la questione e cercare di capire perché le famiglie di Arce sia stata preclusa questa opportunità, in un tempo di crisi davvero non facile per molti. Non vorrei – ha concluso Fraioli – che, a livello comunale o di consorzio, come è successo per altri settori, qualcuno abbia dimenticato di presentare le dovute istanze per attivare la normativa regionale».
 

14