Finto poliziotto e falsario – La perquisizione ha permesso di trovare anche un manganello e una nocchiera

 

ARCE – Finto poliziotto dell’antimafia per spendere banconote fasulle negli esercizi commerciali, finisce in manette M.M., 42enne di Pico.
A stringere le manette intorno ai polsi del presunto truffatore sono stati i carabinieri della locale stazione, agli ordini del maresciallo Evangelista, coordinati dai militari della Compagnia di Pontecorvo, al comando del capitano Pier Francesco Di Carlo. Nel pomeriggio di ieri, infatti, i carabinieri hanno arrestato l’uomo con le accuse di spendita di monete falsificate, possesso di segni distintivi contraffatti e porto illegale di armi o strumenti atti ad offendere. Gli accertamenti eseguiti hanno consentito di appurare che il 42enne, poco prima, presso un esercizio commerciale di Arce, aveva pagato i suoi acquisti con una banconota da 20 euro, risultata successivamente palesemente contraffatta. Le immediate ricerche hanno consentito di rintracciarlo mentre viaggiava a bordo della propria auto lungo la Casilina. E’ stato bloccato e perquisito. Con se aveva una tessera di riconoscimento palesemente contraffatta riportante i sigilli dello Stato con l’intestazione “Polizia di Stato – Direzione Investigativa Antimafia”, sulla quale erano riprodotte le generalità e la foto. In tasca aveva anche tre banconote da 20 euro false, celate all’interno degli indumenti intimi; una nocchiera in ferro; un manganello telescopico; denaro contante per l’ammontare di 180 euro in banconote di piccolo taglio, verosimilmente provenuto della spendita del denaro falso. La perquisizione estesa all’abitazione dell’arrestato ha permesso di rinvenire anche 45 banconote da 20 euro, palesemente false, riportanti il medesimo numero seriale e denaro contante di piccolo taglio per l’ammontare di 360 euro. L’arrestato è stato condotto presso la casa circondariale di Cassino.  
Sempre ieri, gli stessi militari hanno denunciato un 28enne campano per essersi sottratto all’accertamento di uso di sostanze stupefacenti. Il ragazzo è stato sorpreso alla guida della propria autovettura. Per lui e per i due passeggeri è stato proposto il foglio di via.

 

13