‘Fondi, il Governo cala la mannaia’ – Ma assicura: faremo in modo che questa situazione non gravi sui cittadini

 

ARCE – Tagli erariali dello Stato, il comune di Arce dovrà fare a meno di 150 mila euro di trasferimenti sul bilancio 2011. 
A darne notizia è l’assessore al bilancio Marco Marzilli che, in una nota, non ha nascosto il suo personale rammarico per una norma che non tiene conto delle gestioni virtuose. 
«Sono sostanziali – ci ha detto l’assessore – le riduzioni dei trasferimenti dallo Stato che riguarderanno il nostro comune. Con l’art. 14 del decreto legge n. 78/2010 – spiega ancora Marzilli – il Governo centrale ha ridotto i trasferimenti erariali per i comuni superiori a 5.000 abitanti in misura dell’11,72% rispetto all’anno 2010. L’applicazione di tale disposizione normativa comporterà una riduzione, per il nostro Ente, pari ad euro 151.937,24, creando non pochi problemi nella stesura del redigendo bilancio di previsione 2011. Pur comprendendo la ratio della norma – sottolinea l’assessore –  che mira a contenere la spesa pubblica, ritengo che sarebbe stato opportuno procedere ad applicare criteri “meritocratici” tenendo anche conto delle peculiarità di ogni singola realtà municipale, anziché operare tagli indiscriminati che mettono in difficoltà le amministrazioni comunali, istituzionalmente deputate a dare risposte dirette e concrete alle comunità amministrate. Dal canto nostro – ha concluso Marco Marzilli – faremo fronte a questa situazione riducendo le spese “discrezionali” senza incidere sulle tasche dei cittadini, che già vivono un particolare momento di congiuntura economica».

 

28