Fondi regionali – Simonelli smentisce le ‘verità’ di Corsetti

 

ARCE – «Quelle di Corsetti sono affermazioni molto gravi che fanno capire chi è che sta lavorando veramente per il bene del paese».
S’innalza lo scontro tra il sindaco Simonelli e il presidente dell’Associazione Intercomunale, Iliano Corsetti.
Dopo le dichiarazioni di quest’ultimo sul possibile isolamento di Arce dai finanziamenti regionali, non si è fatta attendere la dura replica del primo cittadino, segno di una contrapposizione tra i due ormai insanabile.
«Arce – ha scritto Simonelli – non rischia nessun digiuno dai finanziamenti anzi, al contrario, siamo tra i paesi che hanno ottenuto molteplici fondi da parte della Regione Lazio. Le dichiarazioni del presidente dell’Intercomunale sull’ottenimento di un finanziamento per la difesa del patrimonio boschivo, fanno emergere in tutta evidenza la vera indole di Corsetti e cioè di una persona che non tiene assolutamente al suo paese. Il finanziamento, pur modesto, – fa notare il sindaco – deve essere distribuito non in ragione delle simpatie o antipatie del presidente, ma secondo le esigenze del territorio. Le gravi affermazioni fatte dovrebbero far riflettere non solo tutti i cittadini ma, soprattutto, tutti i rappresentanti dell’associazione stessa».
Poi Simonelli si rivolge direttamente all’ex collega di amministrazione.
«Presidente Corsetti, gli arcesi conoscono bene la sua storia personale e conoscono anche le vicende e lo stato delle opere che lei si vanta di aver promosso. La sua auto promozione d’ufficio suona come una auto accusa vera e propria. La maggior parte delle opere elencate da questo abile “venditore di fumo” sono in via di definizione e presto saranno realizzate malgrado i suoi continui ed inutili atti per non farle realizzare. La nostra visione della politica, molto diversa da una corsa all’arraffare, magari ora “protetti” da uno, ora dall’altro, ci impone il rispetto delle regole e procedure. Fiduciosi continuiamo a seguire il percorso della legalità, convinti che solo questo “stile” potrà definitivamente far tramontare un modo di amministrare e di intendere la cosa pubblica davvero deprecabile. Iliano Corsetti deve sapere – conclude Simonelli – che se c’è qualcosa o qualcuno che va verso un isolamento senza ritorno è proprio lui e non il nostro paese. Bene farebbe a prenderne atto».

 

18