Frosinone un lampo nel nulla, nel recupero batte la Triestina dell’ex Iaconi – Al Matusa Frosinone 1 Triestina 0 decide Santoruvo

FROSINONE – Dopo una gara anonima giocata contro una coriacea Triestina dell’ex mai dimenticato mister Ivo Iaconi, il Frosinone si regala i tre punti in palio segnando la rete della vittoria in pieno recupero grazie a due dei suoi uomini simbolo, punizione di Lodi e girata di testa vincente del bomber Santoruvo.
Che fatica contro un’autentica roccaforte preparata dal tecnico ospite sceso in Ciociaria prima a raccogliere l’ovazione del suo ex pubblico e poi con il chiaro intento di fare assolutamente punti per risollevare una situazione di classifica abbastanza deficitaria, alla fine nessun punto per lui, ma l’applauso quello si rimane indelebile a confermare l’amore di questa terra nei suoi confronti.
Tutti abili e arruolabili per il tecnico Carboni, che deve fare a meno del solo Stellone.  Non ci sono tra i convocati Scarlato, Biso, Aurelio e Tavares, mentre torna a disposizione Guidi, modulo4-4-2 con Sicignano tra i pali, in difesa a partire da destra Catacchini,Terranova,Guidi e Bocchetti con Lodi,Grippo,Bottone e Cariello a centrocampo dietro alla coppia Santoruvo-Sansone. Iaconi rispondi con un modulo speculare con Marchi e Testini davanti.
La Triestina prima di questa gara occupava la diciassettesima posizione con dodici punti, frutto di due vittorie e sei pareggi. La formazione di Iaconi ha mostrato buona solidità nelle gare interne con due vittorie, tre pari ed appena una sconfitta, mentre fuori casa sembra soffrire di più con appena tre punti conquistati in cinque gare e 8 reti al passivo nelle ultime due gare arbitra il signor Ostinelli di Como.
La cronaca…. Forse trovare spunti di cronaca è molto difficile, anzi impossibile vista la pochezza dello spettacolo offerto, parte forte il Frosinone, ma la Triestina ribatte colpo su colpo, gran gioco a centrocampo, ma niente da segnalare, questo il canovaccio della gara nel primo tempo con la noia che prende il sopravvento, un ammonito per parte Cariello e D’Ambrosio.
Nel secondo tempo le due formazioni tornano in campo con gli stessi elementi e il gioco manca, subito cambio per gli ospiti e unica occasione clamorosa che capita proprio alla Triestina, Marchi finisce da solo davanti al portierone canarino, Sicignano compie un miracolo salvando il risultato.
Girandola di cambi, Di Carmine per Cariello lungamente fischiato dal pubblico, Di Tacchio al posto di Grippo e per finire Ben Djemia in luogo di Bocchetti per infortunio.
Non cambia molto nella gestione della gara e il tecnico Iaconi già immagina la spartizione della posta in palio, invece nel primo dei tre minuti di recupero il Frosinone passa, punizione dalla destra di Ciccio Lodi e colpo di testa vincente di Santoruvo che nonostante la pressione dei difensori mette alle spalle del portiere ospite, rete della vittoria e tre punti importantissimi per la classifica gialloazzurra, che dire forse il pari sarebbe stato il punteggio più idoneo visto le caratteristiche delle due formazioni, il Frosinone alla fine ha avuto ragione e questo basta ora il prossimo turno in casa del Siena, trasferta terribile, ma di solito visto quanto successo a Torino bisogna essere ottimisti.

Max Marzilli

38
Da: ; ---- Autore: