Ieri il summit tra sindaco e vigili – Si smorzano i toni

ARCE – Comportamenti uniformi e fini comuni per rispondere alle maggiori esigenze dei cittadini.
Toni smorzati nell’incontro tra l’amministrazione comunale e gli agenti della Polizia Locale.
Il sindaco Roberto Simonelli avrebbe precisato gli intenti che l’hanno portato a convocare la riunione di ieri (era presente anche il vicesindaco Lucio Simonelli, gli assessori Colantonio e Patriarca, il presidente del consiglio comunale Germani). A quanto pare il primo cittadino ha spiegato di non avere alcun motivo di rimprovero verso il comandante e gli operatori, ma la necessità di porre l’attenzione su particolari tematiche alle quali provare a dare risposte efficaci. In particolar modo sarebbe stato richiesto un maggiore controllo della velocità su corso e piazza Umberto I, sulla Casilina in località Borgo Murata e Fontana Buona; che si intervenga nella disciplina delle soste nei pressi dell’ufficio postale e durante la manifestazioni; che sia più incisiva la presenza dei vigili nei luoghi maggiormente frequentati; un maggiore controllo del territorio anche in riferimento al deposito di materiali di risulta e abbandono dei rifiuti.
Tutti problemi noti a cui è stata rinnovata la disponibilità degli agenti ad una maggiore attenzione. Un servizio mirato, avrebbe fatto notare il comandante Giampiero Marzilli, che deve tenere conto della carenza di organico, dell’incombenze che oggi sono affidate alla Polizia locale e che non rientrerebbero nelle mansioni sancite dalla legge regionale.
Insomma una volontà a una maggiore attenzione al servizio, fermo restando le forze a disposizione e soprattutto che gli operatori non siano “distratti” dai loro compiti da altre esigenze amministrative.
L’incontro, comunque, sarebbe servito anche a rasserenare il clima che si era instaurato nelle ultime settimane. Sarebbe anche stato affrontato anche il discorso delle progressioni economiche, tuttora bloccate e la possibilità di avviare progetti particolari. Dai prossimi giorni, poi, i memoriali di servizio predisposti dal dirigente saranno inviati per conoscenza anche al primo cittadino in modo che possa personalmente constatare l’azione messa in atto e monitorare i risultati.

12