Il Frosinone a Grosseto perde anche la faccia – Due espulsioni a gioco fermo rendono impossibile la rimonta a Grosseto dei canarini

Dopo una gara incredibile e ricca di spunti il Frosinone esce sconfitto dallo stadio Zecchini di Grosseto nell’ultima gara ufficiale del 2009, 2 a 1 per i padroni di casa che in superiorità numerica alla fine riescono a prevalere e guadagnano punti preziosi in classifica.
6 ammoniti, 3 espulsi, 3 reti e chi più ne ha ne metta, questo lo sconcertante tabellino di questa gara che alla fine fa infuriare il tecnico ciociaro Moriero, che in sala stampa alla fine non parla per evitare ulteriori problemi disciplinari lasciandosi scappare solo una sibillina frase, “ Meglio far gli auguri a tutti che commentare una gara in cui ho visto cose molto strane”.
Moriero deve rinunciare ancora a Scarlato, Elsneg, Stellone e Cordos, si affida al solito 4-2-3-1 con perno centrale in avanti quel Santoruvo che tanto bene sta facendo in questo campionato, Giustinetti invece si affida ad un 4-1-4-1 con Pinella unica punta con supporto Joelson e Job.
Neanche il tempo di guardarsi intorno che la difesa canarina commette il primo errore, Ascoli atterra Consonni in area e l’arbitro Tozzi decreta il calcio di rigore per i toscani, batte Pinilla e segna Grosseto in vantaggio e ammonito Ascoli, il minuto il 9°.
Partita subito in salita con il nervosismo che sale, ne fanno le spese oltre ad Ascoli prima Del Prete e poi Santoruvo oltre a Pinilla del Grosseto.
La gara in questo frangente ha un altro scossone purtroppo fatale al Frosinone che grazie ad una papera colossale in coabitazione tra Maietta e Sicignano consentono a Valeri di segnare la seconda rete per il Grosseto che sentitamente ringrazia, da non credere, minuto 28°.
Moriero prova a cambiare subito, fa entrare Calil per uno spento Basso, ma la giornata diventa cupa, quando sul finire del tempo sono espulsi Maietta e Del Prete colpevoli d’essere protagonisti in una rissa con alcuni giocatori locali, assolutamente inconcepibile per dei professionisti ben pagati.
Sotto di due reti e con due uomini in meno la gara non ha più senso, inutile stare a parlare di partita con questi fatti così importanti, è inconcepibile stare a parlare di calcio, quando nel calcio avvengono fatti del genere, VERGOGNA.
In ogni modo per la cronaca, il Frosinone riesce a ruggire ferito nell’orgoglio e accorcia le distanze al minuto 60 con la rete della bandiera di Mazzeo, ma non basta, neanche l’espulsione del toscano Alfageme appena entrato per fallo sul portiere il Frosinone riesce a raggiungere il pareggio.
Finisce un 2009 nove con l’amaro in bocca e senza ombra di dubbio in maniera ingloriosa non per la posizione in classifica, ottima, ma per il comportamento tenuto da alcuni suoi tesserati, spero che il presidente prenda provvedimenti.

Buon Natale a tutti BUONI  E  CATTIVI e comunque FORZA FROSINONE.

45
Da: ; ---- Autore: