Il Frosinone saluta la coppa passa la Reggina 2 a 4 – Girandola di reti nel terzo turno di Tim Cup, sei reti e passaggio al turno successivo della Reggina che in un mese batte per due volte il Frosinone che in questa gara va due volte in vantaggio prima di arrendersi nel secondo tempo supplementare

FROSINONE – La Coppa Italia o Tim Cup per volere del Dio denaro fa tappa al Matusa di Frosinone, di fronte al Frosinone redivivo e corsaro sul terreno prestigioso del Torino nell’ultimo turno di campionato, si presenta la Reggina in un remake dell’incontro di campionato perso dai canarini qualche tempo fa.

Chi vince in partita unica avrà l’onore di incrociare le armi con al Fiorentina una delle formazioni più blasonate della massima serie.

Naturalmente i due tecnici Carboni e Atzori mandano in campo chi ha giocato meno per far rifiatare soprattutto molti cosiddetti titolari. Spazio dunque a Frattali, Scarlato, Biso, Gucher e Faccioli tra i canarini, Danti, Sy, Tedesco e Barillà tra i granata, in panchina giovani della formazione primavera come Paganini e Formato entrambi del 1993.

Gara vera da subito con il Frosinone che parte a testa bassa, primi minuti di studio e dopo la mezzora il Frosinone raccoglie il frutto della sua supremazia, azione insistita dalla destra, Di Carmine sfiora di testa, Calil recupera la sfera e la rimette ancora al centro per Di Carmine, Kovacsik ribatte su Basso che appoggia a porta vuota, 1 a 0.

Reggina colpita ma non affondata, prima Frattali compie un miracolo su un pallonetto di Zizzari poi deve soccombere agli attacchi della formazione ospite, Tedesco allarga per Colombo, solo sulla destra, il quale vede l’inserimento di Sy al centro, lo serve e la punta francese supera Frattali in uscita, il minuto il 40° 1 a 1.

Il pareggio scuote il Frosinone che vole vincere questa partita, passano solo altri 3 minuti e i canarini tornano in vantaggio, Grandissimo destro a girare di Basso che supera Kovacsik e regala il vantaggio ai ciociari con la sua doppietta personale, il tempo si chiude con il Frosinone in vantaggio per 2 a 1.

La ripresa, alemno per i primi minuti non offre particolari emozioni fino al minuto 52 quando gli ospiti ottengono il pareggio, angolo di Tedesco, la palla carambola su Sy che dall’altezza del dischetto si gira e batte rasoterra Frattali, 2 a 2 e tutto da rifare per i ciociari.

Reggina tonificata e Frosinone distratto, Montiel colpisce il palo e poi si rende pericoloso con un violento tiro, la difesa frusinate sbanda e  Faccioli commette fallo di rigore su Zizzarri dal dischetto va lo stesso Zizzarri che si fa stregare da Frattali che neutralizza il rigore stesso lasciando il risultato fermo sul 2 a 2.

Girandola di cambi con gli esordi in prima squadra dei ragazzi Paganini e Formato.

Miracolo di Frattali in pieno recupero la gara finisce sul 2 a 2, la promozione al turno successivo si decide ai tempi supplementari.

Al secondo tempo supplementare la Reggina sferra i colpi letali, prima Sy, tripletta per lui e poi Adiyah chiudono il conto a favore della squadra dello stretto, per il Frosinone un proficuo allenamento e il rammarico di non poter fare vetrina in un grande stadio come quello di Firenze.

Dopo questa parentesi ci si rituffa in clima campionato, sabato al Matusa arriverà la Triestina dell’ex Iaconi, quella è una partita in cui è vietato sbagliare.

 

Max Marzilli

 

39
Da: ; ---- Autore: