Il Frosinone sempre più giù sconfitto in casa della Reggina 2 a 1 – Non ci resta che piangere, parafrasando un celebre titolo di un film di Massimo Troisi il Frosinone di mister Campilongo “consolida “ l’ultima posizione in classifica arrendendosi alla Regina nel turno infrasettimanale del campionato cadetto

Prestazione mediocre di una formazione che non è più capace di regalare emozioni, primo tempo emozionante con i padroni di casa che trovano il vantaggio al 13’ con Viola. Al 35’ i padroni di casa si fanno parare un rigore molto dubbio battuto da Bonazzoli che dagli undici metri viene ipnotizzato da Frison. Frosinone che ci crede e che al 46’ trova il pari sempre su penalty realizzato da Cariello. Padroni di casa che nonostante l’inferiorità numerica raddoppiano al 62’ con Bonazzoli che in due tempi batte Frison.

 

Nonostante la superiorità di un uomo per tutta la ripresa i canarini non riescono a portare a casa neanche un punto e la situazione continua ad essere sempre più compromessa anche è soprattutto a livello mentale i ragazzi necessitano di una svolta, una vittoria potrebbe ridare moarle e la spinta per continaure a crederci.

 

La gara vive di spunti al 13’ dopo i padroni di casa passano con Viola che a porta sguarnita, dopo un’azione filtrante di Colombo, deposita in rete la palla del vantaggio.

 

Al 35’ l’arbitro  Velotto inventa un rigore a favore della Reggina, De Rose frana a terra, l’arbitro decide che Ben Djemia si sia appoggiato sul reggino e concede la massima punizione. Dagli undici metri un super Frison ipnotizza bomber Bonazzoli respingendo con un gran balzo.

 

Al 41’ la traversa grazia Puggioni quando Catacchini dalla destra trova un pennellato cross che Stellone riceve di testa ma è il legno a dire no all’attaccante canarino. Frosinone che trova il pari dagli undici metri al 46’ proprio allo scadere dell’unico minuto di recupero concesso. Stellone inventa una giocata filtrante , la sfera termina sui piedi di Masucci che a tu per tu con Puggioni viene buttato giù da Giosa. L’arbitro non ha dubbi, espelle Giosa e concede il penalty ai canarini. Dagli undici metri Cariello trova il pari proprio allo scadere e si va negli spogliatoi sul risultato di 1-1.

 

Serata di legni per il Frosinone che ne colpisce un altro dopo la traversa di Stellone, ma purtroppo la gara termina al minuto 62’ raddoppio della Reggina. Sugli sviluppi di un corner, mischia in area, Bonazzoli di testa si fa respingere da Frison per poi ribadire a rete con i piedi, e il marcatore dove era finito?

 

Non lo sapremo mai resta il rammarico di una gara in cui almeno si poteva ottenere un punto che di questi tempi varrebbe come l’oro.

 

 

 

Max Marzilli

 

 
34
Da: ; ---- Autore: