Il Frosinone si batte come un leone e agguanta un pareggio in zona Cesarini – CITTADELLA – FROSINONE 1-1

Allo stadio Tombolato di Cittadella finisce 1 a 1 e i ciociari tornano a casa con un punticino che da come si erano messe le cose sembrava una chimera.
Il tecnico Carboni, le prova tutte e l’ultimo cambio quello tra Sansone per Bottone gli da ragione, in pieno recupero Gianluca Sansoni raccoglie un invito di Francesco Lodi e di sinistro batte Pierobon segnando la rete del pareggio.
Gara tutta in salita con il Frosinone all’arrembaggio nel secondo tempo per cercare di recuperare la rete al passivo segnata su rigore dal Cittadella al minuto 37° per fallo di Grippo su Piovaccari, tredici calci d’angolo battuti ma anche le solite 4 ammonizioni che dopo 5 giornate portano il totale a 20, quattro a gara e due di queste lasceranno strascichi nella prossima gara, infatti, sia Di Tacchio e Grippo erano diffidati e quindi salteranno la prossima gara interna.
Ma veniamo alla gara, Frosinone torna lì dove ha cominciato la rincorsa alla salvezza l’anno scorso. Oltre tre mesi fa una rete di Stellone diede il via alla rimonta in campionato, mister Carboni schiera dall’inizio il brasiliano Calil a supporto della punta Santoruvo, con Lodi e Basso sulle fasce. Foscarini deve fare a meno dello squalificato Dalla Bona e manda dall’inizio il giovanissimo Gabbiadini. Di Roberto e Semenzato partono dalla panchina, si gioca davanti a circa 2000 spettatori, pochi per questa categoria.
La gara vede da subito all’attacco il Cittadella che almeno in un paio d’occasioni pare tenere il bandolo della matassa in mano, prima Bellazini poi Pierobon impensieriscono la difesa ciociara che tiene botta non senza patemi d’animo. Il Frosinone reagisce con un paio d’azioni personali di Lodi, ma niente, finisce sul taccuino ed è il primo dei quattro finali Bocchetti per fallo su Bellazzini il minuto 32.
Un paio di minuti dopo il Frosinone capitola, Guidi sbaglia un passaggio consentendo a Piovaccari di ricevere il pallone in area palla a terra e fallo di Grippo che frana sul giocatore, l’arbitro il signor Bagarini di Fermo non ha dubbi calcio di rigore per il Cittadella ammonizione per Grippo e anche per Nocentini per proteste. Dal dischetto senza paura va Piovaccari che segna per i suoi, 1 a 0 e Frosinone ammutolito.
La gara si spegne senza minuti di recupero con la speranza che vada meglio nella seconda frazione di gioco.
Solo Frosinone ad inizio ripresa ed era logico aspettarselo, gialloazzurri all’attacco e diverse occasioni da rete due volte Santoruvo e un quasi autogol di Piovaccari fanno ben sperare per il pareggio.
Il mister ciociaro ricorre a forze fresche, Di Tacchio prende il posto di Grippo e dopo solo un minuto finisce sul taccuino degli ammoniti insieme a Bottone per fallo su Manucci.
Ricorre ai cambi anche mister Foscarini entra l’ex canarino Di Roberto esce Jobb, per il Frosinone esce Basso entra Di Carmine.
Occasionissima per il Frosinone con Terranova, la sua deviazione si spegne sulla linea nulla da fare.
Altri cambi Volpe per Gabbianini per il cittadella ma l’intuizione giusta che premia c’è là il tecnico Carboni che getta nella mischia a dieci minuti dalla fine Sansone togliendo dal campo Bottone.
Ancora in avanti il Frosinone che nei 4 minuti raccoglie il frutto di tanta supremazia messa in campo nel secondo tempo.
L’azione parte da Lodi che di sinistro pesca proprio Sansone, stop e tiro d’esterno sinistro che gonfia la rete del Cittadella, 1 a 1 meritato.
Nel prossimo turno l’avversaria si chiamerà Varese da affrontare al Matusa.
Ora in Frosinone in classifica occupa con 6 punti il centro della classifica stessa, il Varese sarà un avversario ostico, ma non imbattibile speriamo bene.

34
Da: ; ---- Autore: