Il Movimento 5 Stelle riunisce i vertici provinciali – Ennesimo anatèma contro chi tenta di infiltrarsi

ARCE – Bagno di folla per gli eletti del Movimento 5 Stelle provinciale. Si è tenuta ieri pomeriggio dalle 15 alle 19, presso la sala conferenze del Museo della Gente di Ciociaria, in corso Umberto I, la prima assemblea pubblica del movimento fondato da Beppe Grillo.
All’incontro hanno partecipato i nuovi eletti, portavoce ciociari in Parlamento: il senatore Marino Mastrangeli di Cassino e il deputato Luca Frusone di Alatri. Con loro sono intervenuti anche tutti i candidati delle varie competizioni elettorali. Per le regionali hanno portato il loro saluto Enrica Segneri e Ilaria Fontana. Per la Camera Cristian Bellincampi e Marco Di Girolamo, mentre per il Senato Luigi Albertini.
Giuseppe Basile, candidato a sindaco di Sora nell’ultima tornata elettorale, ha spiegato la struttura del Movimento e di come i cittadini si debbano avvicinare diventando attivisti e protagonisti. Basile ha anche mandato un chiaro messaggio ai “camaleonti” della politica che vorrebbero infiltrarsi nelle prossime liste comunali a cinque stelle, affermando che i sistemi di controllo del Movimento interverranno rigidamente a negare l’uso del logo a coloro che non rispettano le regole del “non-statuto”. A moderare i lavori, invece, ci ha pensato l’attivista Filippo Capuano, che ha anche spiegato il motivo per cui si è scelto Arce per tenere questa importante riunione provinciale, ossia per la sua strategica posizione geografica, quasi equidistante fra Frosinone, Cassino e Sora.
Durante l’incontro è stato dato ampio spazio agli interventi degli attivisti e dei moltissimi cittadini che hanno riempito oltre ogni aspettativa la sala del museo civico. All’esterno della struttura dove si è tenuto il convegno, una troupe francese ha realizzato una serie di interviste ai nuovi parlamentari e a diversi attivisti del posto.

13