Il nuovo nido va a fuoco – L’intervento dei Vigili del Fuoco evita danni maggiori, già partiti i lavori di bonifica

Nido in fiamme per un cortocircuito. Ore di apprensione domenica sera ad Arce presso il nuovo plesso di via Magni. Attorno alle 20, alcuni cittadini residenti nei palazzi adiacenti le scuole, hanno notato del fumo uscire dall’ingresso di quello che sarà a breve il nido comunale. Immediatamente è stato dato l’allarme e contattato il pronto intervento dei Carabinieri, che a loro volta hanno girato la segnalazione ai Vigli del Fuoco. Le fiamme si sarebbero propagate nella zona mensa e più precisamente all’interno della cucina, nei pressi dell’allaccio elettrico di un gruppo frigorifero. Il tempestivo intervento dei pompieri del comando provinciale di Frosinone, ha evitato conseguenze ben più gravi. L’incendio, infatti, si stava allargando verso le attrezzature vicine con il concreto rischio che l’area interessata potesse essere ben più vasta. C’è da dire che sia le porte tagliafuoco, che i materiali del nuovissimo edificio hanno svolto correttamente le loro prerogative di protezione passiva, circoscrivendo le fiamme in un solo ambiente. E pensare che la struttura è stata inaugurata appena dieci giorni fa e che ieri era il primo giorno di utilizzo della parte dell’edificio riservata alla scuola dell’infanzia. In un primo momento, si è pensato anche che la natura dell’incendio potesse essere dolosa. La coincidenza con l’inizio dell’anno scolastico, infatti, poteva dare adito a qualche gesto insulso. Eventualità questa, subito chiarita dagli uomini del 115 che avrebbero anche dato il loro assenso all’utilizzo delle aule della scuola non coinvolte nell’incendio e quindi poter garantire la normale apertura del nuovo anno scolastico. In realtà l’amministrazione comunale, durante la notte, si è messa in moto, con l’aiuto di diversi volontari, per ripulire ed arieggiare i locali a fare in modo che al mattino tutto fosse pronto per accogliere i piccoli alunni. «Fortunatamente – ci ha detto il vicesindaco Gianfranco Germani – i danni rilevati sono limitati ad alcune apparecchiature della cucina, mentre possiamo rassicurare tutti che la struttura non ha nessun tipo di problema. La mensa – ha aggiunto – come già era stato deciso nelle scorse settimane aprirà il primo di ottobre e quindi nei prossimi giorni si provvederà a ritinteggiare la cucina e ad acquistare delle nuove attrezzature. Approfitto – ha concluso Germani – per ribadire, come è stato ampiamente già detto in occasione dell’inaugurazione, che questa è una delle strutture scolastiche più sicure della provincia e della regione e quanti non hanno avuto modo di visitarla lo possono fare in questi giorni». Rimane da capire, però, cosa sia accaduto realmente e come mai non sono entrate in funzione le protezioni previste dalle normative in materia di sicurezza dell’impianto elettrico, protezioni che avrebbero dovuto interrompere l’energia elettrica in caso di cortocircuito o malfunzionamento.

13