Il programma di Nardone sponsorizzato da Salvi – A partire dalle 16.30 tanti illustri ospiti per l’atteso incontro

ARCE – L’ex ministro Salvi ad Arce per lanciare il programma amministrativo di Gianni Nardone. Sii terrà oggi pomeriggio a partire dalle 16.30, presso la sala conferenze del ristorante Leone, l’incontro promosso dal gruppo consiliare “Socialismo 2000 – Movimento per il Partito del Lavoro”. Durante il convegno organizzato dal consigliere di minoranza Gianni Nardone, verrà presentato una proposta di programma amministrativo in vista della consultazione elettorale per il comune di Arce del 25 e 26 maggio 2014. A presiedere i lavori ci sarà il professor Cesare Novelli, presidente nazionale della Fondazione “Santi” che si occupa della tutela degli emigranti italiani all’estero e contestualmente degli immigrati stranieri in Italia. Aspetto che, in un paese di quasi seimila abitanti, inizia ad assumere risvolti sociali importanti. Basta pensare, infatti, che secondo gli ultimi dati messi a disposizione dell’Istat, nel 2010 gli stranieri residenti erano quasi trecento, pari a circa il 5 per cento degli abitanti. Dopo il professor Novelli, interverrà Enza Colonna del coordinamento donne del Movimento “Partito del Lavoro”, che si soffermerà sul tema donne e politica, in considerazione che dalle prossime elezioni si potranno esprimere due preferenze, una per genere, e sarà obbligatorio garantire nelle liste la presenza di almeno un terzo delle donne o viceversa di uomini. Interverrà anche il segretario nazionale di Democrazia Atea, Carla Corsetti, che si soffermerà sulle necessità della laicità delle forze amministrative, anche a livello locale. Il consigliere Nardone, invece, illustrerà nel dettaglio la proposta programmatica del suo gruppo consiliare. Le conclusioni dell’incontro sono affidate al senatore Cesare Salvi, già Ministro del Lavoro e presidente nazionale di “Socialismo 2000 – Movimento Partito del Lavoro”, che illustrerà il modello di radicamento dell’associazione sul territorio. «Invito a partecipare – ha detto Nardone – tutti coloro che intendono avviare un confronto sulle problematiche del paese creando un’interazione che si fondi sulla partecipazione popolare».

28