In migliaia per l’ultimo saluto a Mario – Un corteo di ragazzi ha indossato la maglietta con il viso del 19enne

COLFELICE – Fiori bianchi, riso, confetti, silenzio, lacrime e singhiozzi. Su tutto il candore della fredda bara e la difficoltà di dare un senso ad una morte tanto prematura quanto ingiustificata.
Si sono svolti ieri mattina i funerali di Mario Prata, il ragazzo di soli 19 anni che è deceduto mercoledì sera in seguito ad un incidente stradale che lo ha visto sfortunato protagonista mentre percorreva via Selva. Evidente la commozione generale, non placata dalle parole del sacerdote che durante l’omelia ha confortato i genitori di Mario e l’altro figlio più piccolo parlando della consapevolezza cristiana che in Dio si annullano vita e morte per diventare eternità e vegliare sull’esistenza di chi rimane, in attesa del riscontro. Un corteo di almeno duecento giovani, indossate magliette bianche con su stampato il viso di Mario, ha accompagnato in spalla il feretro del ragazzo, ornato degli idoli della sua età e avvolto nella bandiera della Juventus, dalla sua abitazione, in via della Repubblica, verso la chiesa di san Giuseppe e Gaetano passando per i luoghi sociali da lui frequentati fino a soli cinque giorni fa. Con loro, altri amici a cavallo perché, oltre al calcio, Mario praticava anche l’equitazione. In testa a tutti proprio il cavallo di Mario, vuota la sella.
Poi in chiesa tanti gli interventi di amici e parenti e del sindaco Donfrancesco, che hanno voluto ricordare attimi di vita trascorsi insieme e andati via per sempre. Il momento più toccante si è registrato all’uscita della bara dalla chiesa: un applauso scrosciante ha ritmato il tempo insieme al lancio di riso e confetti bianchi per uno sposo purtroppo avaro di sorrisi. Ad assicurare acqua e assistenza sanitaria alle migliaia di persone presenti in chiesa e nella piazza adiacente nonostante il caldo di ieri mattina, i Vigili, la protezione civile e i volontari della Misericordia. Il corteo ha quindi ripreso la sua strada per arrivare nel cimitero comunale dove Mario riposerà in pace. Intorno tanta tristezza e silenzio.

20