L’Arce punta sul vivaio – La società di Alessandro Marrocco vuole vincere anche nei tornei minori

ARCE – Mentre sul fronte della prima squadra al momento tutto tace, anche se con comprensibile riservatezza e discrezione, il Presidente Marrocco si sta comunque muovendo con i suoi collaboratori in vista della prossima stagione agonistica, si registra intanto un gran fermento intorno al settore giovanile dell’U.S. Arce che, con il ritorno alla sua guida di Mister Zuffranieri, ha ritrovato nuovo entusiasmo, ma soprattutto una gran voglia di fare e di protagonismo nel calcio minore della provincia che da alcuni anni vede l’Arce colpevolmente assente.

Il nuovo responsabile unico del calcio minore giallo azzurro, il cui graditissimo ritorno a casa è stato fortemente voluto dal presidente Marrocco che gli ha consegnato le chiavi del prezioso vivaio giovanile arcese, si è da subito messo al lavoro. Per il momento, la priorità è stata quella di scegliere i collaboratori, ma soprattutto i tecnici che dovranno guidare le varie formazioni giovanili nella stagione agonistica che dovrà venire. Le scelte, come saggezza suggeriva, sono state già fatte con grande e significativa tempestività, tenendo conto in particolare dello spessore tecnico, umano e professionale dei vari allenatori che avranno così l’opportunità di partecipare ad un progetto giovanile ambizioso, come è sicuramente nel caso dei prescelti che in tal senso dovranno sentirsi fortemente coinvolti e motivati.

Fatta qualche eccezione, come nel caso del giustamente riconfermato Bruno Gomma per i Giovanissimi o del duo formato da Simone Guatieri e Marcello Marsella alla guida degli Esordienti, per il resto si è trattato di una vera e propria rivoluzione che ha coinvolto tutte le altre compagini, ad iniziare dalla Juniores che verrà guidata da Gianluca Di Folco, un giovane tecnico che nel recente passato ha lavorato con ottimi risultati con anche l’Isolaliri.

Passando agli Allievi, questi ultimi saranno invece affidati alle sapienti cure dell’altro nuovo arrivato Francesco Greco (cosa non trascurabile suo padre è stato in passato portiere dell’Arce), un allenatore con alle spalle precedenti esperienze all’Isolaliri ed al Fontanaliri.

Mentre, per finire, la responsabilità della scuola calcio è stata affidata a Fausto Corsetti, un giovane di belle esperienze e prospettive cresciuto in casa che, al più presto, potrebbe ricevere un importante aiuto.

Infatti, per quanto concerne la scuola calcio, anche se per il momento si fanno solo dei nomi, comunque tutti di indubbio spessore, nei prossimi giorni potrebbe arrivare anche l’importante nomina di un responsabile, al quale verrà affidata la preziosa funzione di coordinatore per uno dei settori certamente più delicati ed importanti, vista la giovanissima età dei protagonisti.

Nel frattempo, per finire, si stanno svolgendo alcuni indicativi raduni preliminari, utili per una prima scrematura del notevole materiale umano su cui da sempre il calcio giovanile arcese può contare.

Ad ulteriore conferma della bontà del progetto Marrocco-Zuffranieri, mirato al rilancio del calcio minore giallo azzurro, sono arrivate anche moltissime adesioni dai centri limitrofi che contribuiranno certamente a determinare una maggiore e migliore scelta e conseguente competitività delle varie squadre.

Ovviamente soddisfatto ed entusiasta Mister Zuffranieri per l’incarico ricevuto, ma soprattutto riconoscente verso il Presidente Marrocco per la fiducia piena e la massima libertà operativa che il massimo rappresentante del sodalizio giallo azzurro ha voluto accordargli, come lui stesso ci conferma: «La mia decisione di tornare a lavorare ad Arce, dopo tanti anni di volontario esilio, è certamente legata anche al rapporto personale che mi lega al Presidente Marrocco. Lo ringrazio per avermi dato questa possibilità, ma soprattutto per avermi fatto superare quelle remore che avevo nell’accettare un ritorno alla guida del settore giovanile giallo azzurro. L’unico modo per ripagarlo, , chi mi conosce lo sa bene, sarà quello di lavorare con grande dedizione e passione, due caratteristiche che mi hanno sempre accompagnato durante la mia carriera al servizio dei giovani, per ricostruire il settore giovanile arcese e restituirgli quel prestigioso e quella visibilità calcistica che per tradizione merita. Anche in questa ottica, abbiamo voluto scegliere per tempo i tecnici che guideranno le varie formazioni giovanili, così anche loro avranno tutto il tempo necessario per organizzarsi e raccogliere i frutti sperati. Al più presto, definiremo anche gli ultimi dettagli organizzativi e logistici, in modo da essere pronti nel migliore dei modi ai nastri di partenza della prossima stagione agonistica che mi auguro sappia regalarci quelle soddisfazioni che tutti, in primis il nostro presidente, si aspettano da noi».

 

36
Da: ; ---- Autore: