L’assessore chiarisce – ‘Asilo più caro per necessità’

«Non esiste un asilo per ricchi, ma la gestione di una struttura con dei costi elevati, che non possono gravare, quasi per intero, sulla cittadinanza». Così Gianfranco Germani è intervenuto nella vicenda del “caro” asilo nido. L’assessore ai Servizi Sociali, nonché vicesindaco, ha puntualizzato che l’amministrazione non sta facendo alcuna retromarcia, ma soltanto una rimodulazione oraria che comporta una relativa contrazione delle tariffe. «Chi vuole far passare l’idea – ha ripreso Germani – che si voglia fare una divisione fra ricchi e poveri o, addirittura, tra padroni e servi, mira solamente ad alzare polveroni che di fatto non servono a nulla. Bisognerebbe parlare con le carte alla mano e facendo riferimento diretto alla situazione finanziaria in cui siamo. Questa – ha concluso – ci dice che, ad oggi, non ci possiamo permettere soluzioni diverse da quelle che si stanno adottando». Sull’argomento è intervenuto anche il neo presidente dell’associazione politica “Insieme per cambiare”. A Nardone non sono piaciute le parole dell’assessore Germani e chiede uno sforzo maggiore all’amministrazione comunale verso le fasce più deboli e i bambini con problemi di disabilità. Ognuno resta della sua posizione, tutti comunque hanno detto la loro sulla vicenda.

15