Lavori pubblici e sociale, bilancio positivo per il 2013 – Il sindaco di Rocca d’Arce illustra gli obiettivi centrati

ARCE – Bilancio positivo del sindaco di Rocca d’Arce, Rocco Pantanella, che in occasione dello scambio augurale per le festività ha illustrato i risultati conseguiti nell’anno che sta per concludersi tracciando al contempo le linee guida di quella che sarà la futura attività amministrativa.

Il sindaco Pantanella si è soprattutto soffermato sulle azioni di intervento nei settori delle politiche sociali e della famiglia che hanno permesso di stare il più possibile vicino ai cittadini per le loro necessità e richieste. Particolare interesse è stato riservato al mondo della scuola e dell’istruzione e al settore della cultura in generale, che ha registrato in questo 2013 tanti eventi e manifestazioni di grosso spessore che hanno visto la presenza sul territorio di molti cittadini non solo locali ma provenienti anche da ogni parte della provincia. Molti gli interventi sulle opere pubbliche realizzate e su quelle in cantiere e su tutte le infrastrutture che hanno richiesto una cura assidua e costante. Un messaggio di fine anno denso di riflessioni e di speranze e di prospettive future rivolte alla splendida cittadina ciociara di Rocca d’Arce, balconcino sull’intera valle del Liri.

Con una cerimonia toccante ed emozionante, nella circostanza dell’atmosfera natalizia, è stato altresì festeggiato il pensionamento dell’impiegato Modesto Lancia che per oltre 30 anni ha prestato con grande impegno la sua funzione nell’ufficio tributi.

Il sindaco Rocco Pantanella, ricordando ai presenti di avere svolto il suo mandato politico ventennale di amministratore accanto a questa figura storica di impiegato modello, ha rivolto a Lancia «gli apprezzamenti per l’opera svolta e un elogio al suo attaccamento al dovere e al lavoro svolto sempre con grande passione e dedizione e con grande dignità sia umana che professionale».

In un momento di evidente commozione il sindaco Pantanella ha donato al festeggiato un attestato ufficiale di stima e di affetto a nome di tutti e di affetto a nome di tutti e una targa ricordo con l’effige del Comune a simboleggiare un legame forte che Modesto Lancia avrà anche da pensionato con il suo paese che ama tanto e con la confraternita di San Bernardo Protettore in qualità di Priore.

150
Da: ; ---- Autore: