Le cantine di San Martino popolano il cuore di Arce lasciando qualche polemica – Manifestazione di grande successo

ARCE – “Aspettando San Martino”, un grande successo con qualche incomprensione. Un fiume di gente si è riversata nelle vie del centro storico per partecipare alla manifestazione promossa dall’associazione Nuovi Segnali, con il patrocinio del comune di Arce.
Una grande festa popolare che, giunta alla quarta edizione, si conferma tra gli eventi più importanti del paese della media Valle del Liri. Il successo di questa iniziativa, probabilmente, lo si deve all’impegno messo dall’organizzazione guidata da Bernardino Bartolomei e dalle tante associazioni che contribuiscono alla realizzazione. La forza dell’evento rimane la genuinità della proposta locale, dove ognuno mette un pezzo di tradizione e tipicità adattata ai tempi moderni. Quest’anno erano oltre 34 le cantine che hanno presentato una proposta eno-gastronomica davvero vasta. Anche i punti spettacolo hanno offerto esibizioni di grande spessore e coinvolgimento, così come migliorata è stata l’accessibilità ai percorsi con il servizio navetta, le indicazioni e le mappe che hanno permesso al pubblico di orientarsi meglio nel centro storico, riuscendo così a gustarsi aspetti meno conosciuti. La due giorni ha richiamato in paese miglia di visitatori. Un turismo di prossimità, ma comunque molto importante perché permette di aprire delle prospettive importanti per il paese. Da quanto si tiene questa manifestazione, sempre più persone sono interessate al recupero di abitazioni nel centro storico. Molte delle stesse cantine che ospitano le prelibatezze gastronomiche sono state ristrutturate e portate ad un nuovo splendore che, col tempo, possono portare a nuove opportunità. In questo contesto però, c’è chi probabilmente non comprende a fondo la lungimiranza di questo appuntamento, soffermandosi sui quei pochi aspetti negativi, che comunque ci sono ma possono essere definiti fisiologici in organizzazioni del genere. E così si avverte un pizzico di amarezza per quei cittadini del posto che mal sopportano l’evento e ancor più quando a fare rimostranze è qualche amministratore.
«Al di là di tutto – ha detto Bernardino Bartolomei – intendo ringraziare quanti si sono adoperati per la buona riuscita della manifestazione ed in particolar modo quanti ne hanno curato la logistica. A cominciare dai volontari della Protezione Civile, quelli del gruppo comunale, gli agenti della municipale e gli addetti al servizio navetta».

14