‘L’ex cartiera va bonificata’ – Il presidente Salvati interviene sulla necessità di mettere in sicurezza il sito

ISOLETTA – Il presidente dell’Unione di Comuni, Antonio Salvati, chiede la risoluzione dell’annoso problema dell’ex Cartiera d’Isoletta d’Arce invocando un celere processo di bonifica. L’area, in pieno centro urbano, è da anni oggetto di attenzioni delle autorità competenti in materia al fine di appurare eventuali responsabilità. I cittadini chiedono, pertanto, rassicurazioni su questo anomalo stato di cose.
«Da Sindaco, quale sono, di comune confinante con Isoletta d’Arce, San Giovanni Incarico, – commenta Antonio Salvati – in qualità anche di Presidente dell’Unione di Comuni “Antica Terra di Lavoro”, ritengo sia veramente tempo di risolvere l’annoso problema di emergenza ambientale costituito dalla ex cartiera di Isoletta, ad oggi mai bonificata nonostante sia dismessa da anni e dichiarata tra le più gravi emergenze ambientali di tutta Italia.
Concordo pienamente, pertanto, sulla necessità che il Sindaco di Arce convochi un incontro pubblico sull’argomento, incontro che ponga le basi per avviare azioni congiunte volte alla risoluzione del problema e che coinvolgano anche i comuni limitrofi ed in particolare, per competenza statutaria e politico amministrativa, la Riserva Naturale delle Antiche Città di Fregellae e Fabrateria Nova e del Lago di Isoletta – San Giovanni Incarico. E’ necessario – conclude Salvati – acquisire tutte le informazioni sullo stato dei luoghi e sul grado di inquinamento provocato dalla ex cartiera in modo da poter quantificare economicamente i costi delle azioni da porre in atto per il ripristino e la bonifica del sito. Ed avviare i conseguenti procedimenti. La ex cartiera di Isoletta – conclude Salvati – rappresenta un’ulteriore grave emergenza ecologica, che ricade in un territorio già troppo vessato da problematiche ed emergenze ambientali, che debbono essere risolte al più presto, con fatti concreti ed azioni tempestive, efficaci ed efficienti».

21