Mollicone, giovedì l’esame sulle prove sotto sequestro – Il consulente Novelli si avvarrà del supporto della Polizia scientifica

ARCE – Delitto Mollicone, giovedì prossimo gli esami medico-forensi sulle prove sotto sequestro.
Ieri mattina, nel policlinico di Tor Vergata, a Roma, il consulente nominato dalla Procura, il professor Giuseppe Novelli, ha illustrato il piano di lavoro che seguiranno le perizie. Novelli ha annunciato che per lo svolgimento di particolari analisi di natura geologica si avvarrà dell’ausilio di altri due docenti dell’ateneo di Tor Vergata, ovvero una professoressa di botanica e un professore in ingegneria. Inoltre, gli approfondimenti di natura dattiloscopica e genetica verranno eseguiti dalla polizia scientifica di Roma. Nel chiudere la riunione Novelli ha aggiornato le perizie al sei di ottobre. In questa data, presso i laboratori  della scientifica in via Tuscolana, verranno riaperte ed esaminate le prove raccolte dieci anni fa sul luogo del delitto, attualmente poste sotto sequestro. Dopo questa prima fase si passerà ai prelievi per il dna. Non è stato specificato se tutti e sei gli accusati verranno sottoposti all’esame o soltanto alcuni di loro. Certo è che successivamente alle risultanze emerse dalla perizia gli indagati per l’omicidio della studentessa di Arce potrebbero subire un sovvertimento delle ipotesi accusatorie a loro carico. Al momento l’accusa è per tutti di omicidio volontario, con l’aggravante della crudeltà, e occultamento di cadavere. Ma l’analisi genetica chiarirà la cronologia dell’efferato omicidio, ricostruendo i ruoli dei singoli accusati. La famiglia Mollicone è rappresentata dal legale di fiducia, l’avvocato Dario De Santis.
 

12