Nardone: ci vogliono provocare – ‘Ai nostri incaricati sono state date indicazioni per evitare contestazioni’

«Ci vogliono provocare ma non cadremo in questi pedestri tentativi». E’ il commento del presidente “Insieme per Cambiare” all’indomani delle indiscrezioni secondo cui l’associazione rischia di essere multata per aver eseguito un volantinaggio senza aver pagato la tassa. «E’ vero – ha detto Giovanni Nardone – che i nostri incaricati sono stati identificati dagli agenti della polizia locale per verificare la correttezza delle procedure di diffusione di volantini politici sulla vicenda dei pasti caldi. E’ altrettanto vero però che noi abbiamo regolarmente comunicato agli uffici preposti la nostra iniziativa, che comprendeva l’affissione di dieci manifesti e il volantinaggio, pagando il dovuto. Ai nostri incaricati sono state date disposizioni ben precise, proprio per evitare possibili contestazioni. Vale la pena ricordare che, per la distribuzione di volantini, stiamo parlando di un’imposta che si aggira attorno ai due euro e c’è anche il dubbio che questa vada corrisposta per iniziative politiche che non rientrano nell’ambito della pubblicità commerciale. Inoltre, se non erro, nel regolamento comunale è esplicitamente previsto che per gli importi fino a due euro l’imposta non va versata. Comunque sia ho inviato una nota di precisazione al Comandante della polizia municipale, all’assessore ai Tributi, al responsabile del Servizio Tributi e al segretario comunale. Confido che prima di agire si rifletta attentamente sui fatti accaduti».

9