‘Nessun nido alla Media’ – Il consigliere: se l’Amministrazione vuole riattivi le strutture dell’ex Onmi

ARCE – Nido comunale, è giallo sui lavori di adeguamento alle aule dell’Istituto comprensivo.
Secondo alcune rappresentanti del comitato civico, sorto per chiedere la riapertura della struttura comunale, l’Amministrazione avrebbe varato un progetto per la realizzazione di un micro asilo nido all’interno dell’edificio scolastico che ospita le classi delle medie.
Con la riapertura della scuola di via Marconi, infatti, gli alunni delle elementari sono tornati nella propria sede, lasciando libere diverse aule della scuola secondaria di primo grado. Spazi che in parte verranno riorganizzati per ospitare i laboratori di scienze e tecnica ed in parte potrebbero essere destinati ad un altro scopo, ossia quello di trovare una sistemazione al nido comunale, dopo la chiusura avvenuta nel 2009. Si tratterebbe di tutta un’ala dell’attuale complesso che, con i lavori previsti nel progetto, si renderebbe completamente autonoma dalle competenze dell’Istituto comprensivo. Ma i dubbi sull’effettiva realizzazione del progetto sono molti. A cominciare da quello che potrebbe opporre il dirigente scolastico, che ha sempre rivendicato la necessità di avere più spazi per le attività didattiche, fino ad arrivare a quelli che riguardano l’iter per l’affidamento dei lavori e del reperimento delle risorse finanziarie necessarie.
«Non mi risulta – ha detto il consigliere d’opposizione Marcello Marzilli – che esista un progetto approvato che preveda gli interventi di che trattasi da parte del Comune. Sarei, però, ben lieto di essere smentito. L’unico intervento edilizio previsto ed appaltato per la Scuola Media di Arce è quello di rifacimento del tetto e dei cornicioni con uno specifico finanziamento della Regione Lazio».
«Siccome – ha aggiunto ancora Marzilli – a pensare male si fa peccato ma a volte ci si indovina, a scopo preventivo e in applicazione del “principio precauzionale” dico agli amici dell’Amministrazione comunale di vigilare affinché non sia distolto neanche un centesimo dai lavori per il tetto della Scuola Media al fine di porre in essere qualche “appiccico” per trasformare le aule libere dell’Istituto che, comunque, servono per le attività didattiche della Scuola Media, in Micro Nido. Questo per un duplice ordine di motivi: il primo, il tetto della Scuola e i cornicioni della stessa necessitano di interventi radicali di manutenzione finalizzati alla tutela della sicurezza degli studenti e del personale docente e non; il secondo, il finanziamento è specifico e modificarne la destinazione esporrebbe il Comune di Arce alla possibilità di azione di rivalsa da parte della Regione. Senza contare che non si può, per motivi di igiene pubblica, e per le norme che disciplinano la realizzazione di Asili Nido, porre strutture per l’infanzia in scuole per studenti».
«Ergo – ha concluso il capogruppo – se l’Amministrazione vuole, utilizzi la struttura della ex Onmi per riattivare l’Asilo Nido e, soprattutto, preveda i fondi per la realizzazione dei lavori nel prossimo Bilancio».

22