Pall.Cassino – Lazio 75-54 – Grande prova di forza della Pallacanestro Cassino che riesce ad imporsi con autorità contro una Lazio che non ha assolutamente demeritato, ma che alla fine nulla ha potuto contro la difesa e la fluidità in attacco dei giovani cassinati

PALL. CASSINO: Ferrara 18, Russo 4, Tamburrini 9, Candelaresi 3, Polini, Schiavi 7, Pistore 9, Ramundo (cap.) 21, Zapparato 4, Cataldo.
All. Esposito; A.All. De Rosa.

LAZIO: Lupi 4, Zucchi 8, Polo 6, Tombolini 2, Di Francesco 3, Di Filippo 2, D’Alessio 24, Rinaldi 5, Tombini, Ioli.
All. Bocci.

PARZIALI: 16-10; 32-23; 51-42

CASSINO – L’incontro si prospettava difficile alla vigilia per la formazione di casa, sia per l’assenza del forte lungo Cipriano (impegnato nella preparazione dei playoff di C2), che per la necessità di  gestire il capitano Ramundo, sempre in prospettiva playoff. Il coach De Rosa optava quindi per un quintetto inedito, con Tamburrini schierato dal primo minuto ed un solo lungo. La scelta, anche se obbligata, si rivelava giusta poiché la formazione cassinate prendeva subito il controllo della partita con un fulmineo 7-1, merito del duo Tamburrini-Ferrara (9 e 18 punti per loro alla fine), ed il primo quarto terminava con un rassicurante 16-10, senza necessità di impiegare il bomber Ramundo. Dall’altro lato D’Alessio dimostrava di esser il migliore giocatore in casacca bianco-azzurra, oltre ad esser sicuramente uno dei migliori marcatori del torneo, come dimostreranno alla fine i 24 punti realizzati. Nel secondo quarto la formazione in casacca biancorossa continuava a mantenere il controllo del gioco, mostrando come oramai i sistemi offensivi e, soprattutto, difensivi comincino a funzionare al meglio, coinvolgendo tutti i giocatori in campo e permettendo di allungare il vantaggio di altri 3 punti (32-23), sigillati dal primo minuto di gioco e dal primo punto realizzato per capitan Ramundo e da un canestro da tre punti di pregevole fattura di Ferrara (alla fine ben 4 realizzazioni dalla grande distanza per lui). Il terzo quarto registrava un lieve calo da parte dei padroni di casa, che iniziavano a soffrire l’intensità della formazione di coach Bocci in pressione spesso a tutto campo, ma il vantaggio di 9 punti rimaneva saldo grazie soprattutto alla difesa 1-3-1, che ormai rappresenta il marchio di fabbrica della formazione cassinate. L’ultimo quarto iniziava con Ramundo finalmente in campo e allora il vantaggio prendeva maggior consistenza, grazie anche allo spettacolare scontro a suon di canestri con D’Alessio; alla fine, non nello score complessivo, ma come risultato finale lo scontro veniva vinto dal play cassinate e dalla Pallacanestro Cassino.
Probabilmente i migliori in campo son stati Ferrara, per le spettacolari azioni d’attacco compiute, e il “totem” Schiavi, che nonostante la pesante assenza del suo gemello Cipriano ha dominato il pitturato su tutti e due i lati del campo e conquistato oltre una decina di rimbalzi, come sempre ben spalleggiato dagli efficacissimi Pistore (il leader silenzioso della squadra) e Russo. Ma il merito della vittoria và a tutta la squadra dei coach De Rosa ed Esposito, che mostra di essere ormai un gruppo forte e determinato, in grado di vincere brillantemente nonostante l’assenza di giocatori importanti.
Il prossimo turno vedrà ora la Pallacanestro Cassino ospitare in casa gli Ostia Sharks, in uno scontro al vertice che potrebbe determinare la prima classificata della griglia finale, giovedì 5 maggio alle 18,30.

 

A. D. Pall. Cassino

 

25
Da: ; ---- Autore: