Pol. Città Futura – Pass Roma 64-67 – Esordio sfortunato per la Virtus Terra di San Benedetto nella prima giornata del campionato di basket di serie D

Parziali: 11-11 / 19-20 / 19-21 / 15-15

POL. CITTA’ FUTURA
Cataldo, Lepore 8, Rivetti 8, D’amore 10, Cipriano 15, Mangiante 11, Schiavi, Zapparato, Iannetta 3, Ferrara 9.
Coach: Caprile

PASS ROMA
Silli 7, Corda 2, D’angelo 10, Scagliarini 4, Ambrosi 16, Tiddi 2, Testa 6, Cesarini 10, Iannucci 6, Postiglione 4

ATINA – La squadra cassinate che gioca con il nome Città  Futura, club da cui ha acquisito nella scorsa estate il titolo, si è arresa dopo un emozionante testa a testa solo perché l’esperienza dei romani è stata vincente negli ultimi secondi di gara. Il Pass Roma accreditato come uno dei team candidati alla promozione, ha disputato sicuramente un gran match con Ambrosi, 16 punti, il migliore in campo e soprattutto una spina nel fianco della difesa cassinate grazie ad una buona  percentuale nel  tiro da fuori.
La partita si era messa subito bene per la squadra presieduta del dott. Leonardo Manzari, nello splendido impianto di Atina e con il pubblico delle grandi occasioni, D’Amore e compagni iniziavano subito con un parziale di 10 a 0. Poi la lenta ma costante risalita dei romani  che recuperavano il parziale negativo e andavano al riposo del primo quarto sul punteggio di 11 a 11. Secondo quarto in equilibrio, coach Caprile trovava nei due giocatori più esperti, il capitano Emiliano D’Amore e l’ala Gioacchino Rivetti, gli uomini che davano quantità  e qualità  alla squadra, tuttavia, sempre gara in equilibrio e si andava al riposo lungo sul 30-31 per i romani.
Alla ripresa, era ancora testa a testa con un grande Cipriano, 15 punti, che pur non partente nel quintetto iniziale, si ritagliava spazio e dava grande consistenza al gioco sotto le plance, i romani rintuzzavano tutte le iniziative dei cassinati, Mangiante alla fine uno dei migliori in campo, prendeva in mano la squadra che però appariva stanca, un pò corta nelle rotazioni e si arrivava agli ultimi secondi di gioco con il Pass che la spuntava di un soffio chiudendo 64-67.
Nel complesso è stata una bella partita, emozionante fino alla fine e giocata da due team validi che sicuramente reciteranno un ruolo importante in questo campionato, nota positiva è stata la presenza di un folto pubblico sugli spalti dello splendido Palazzo dello sport di Atina che ha fatto da cornice al battesimo della Virtus Basket Terra di San Benedetto.  

18
Da: ; ---- Autore: