Rifiuti, mobilitazione generale – Annunciata una grande manifestazione di protesta presso lo stabilimento Saf

COLFELICE – L’amministrazione comunale ricorre al Tar contro il Decreto Clini. Con deliberazione numero 3 del 10 gennaio la giunta del Comune della Media Valle del Liri ha incaricato l’avvocato Dario De Santis di promuovere ricorso al Tribunale amministrativo del Lazio contro il Decreto del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare numero 1 del 3 gennaio sulla situazione di grave criticità nella gestione dei rifiuti urbani della provincia di Roma e la previsione di conferimento dei rifiuti negli impianti di trattamento meccanico biologico della Regione Lazio.
La decisione è stata assunta a seguito di quanto deliberato dal Consiglio comunale nella sua riunione straordinaria dell’8 gennaio, nel corso della quale era stata espressa, con voto unanime, una netta contrarietà al Decreto del Ministro affermando che: il territorio è già pesantemente penalizzato dalla presenza sia dell’impianto di trattamento di Colfelice che dall’attigua discarica di Cerreto di Roccasecca, entrambi fonte di insopportabili esalazioni maleodoranti e di inquinamento atmosferico e perciò possibile causa di gravi malattie (soprattutto polmonari); il movimento degli automezzi addetti al trasporto dei rifiuti da e per Roma creerebbe grosse difficoltà alla viabilità e notevoli danni ambientali per l’inevitabile fuoriuscita e spandimento di percolato lungo le strade; il decreto non indica se e dove i rifiuti trattati e i “sovvalli” residui saranno inviati e smaltiti; la “capacità residua autorizzata dalla Regione” dell’impianto di Colfelice, stimata in t/a 139.597 è tutta da verificare, giacché l’impianto già ora funziona al massimo delle sue potenzialità ed è causa di frequenti esalazioni maleodoranti e conseguenti frequenti e vivaci rimostranze della cittadinanza dei Comuni del territorio. L’amministrazione comunale di Colfelice segue l’evolversi della situazione in modo particolarmente vigile perché si teme che, nonostante i ricorsi amministrativi in atto e le vivaci rimostranze di tutti i Comuni della provincia, che il Ministro Clini e il Commissario Sottile possano emanare, da un momento all’altro, provvedimenti capestro. Intanto per quanto riguarda il Decreto Clini, per scongiurare l’arrivo dei rifiuti di Roma presso la stabilimento Saf di Colfelice, è stata annunciata per domenica prossima 20 gennaio una manifestazione di protesta presso lo stesso impianto trattamento rifiuti. La manifestazione certamente vedrà la presenza delle popolazioni dei comuni limitrofi, dei rappresentanti politici ed istituzionali del territorio e delle varie associazioni ambientaliste. Lo stesso sindaco di Colfelice, Bernardo Donfrancesco, ha annunciato la sua presenza e quello dell’intero consiglio comunale che presiede in qualità di primo cittadino. Inoltre ieri mattina una troupe del Tg3 nazionale si è recata presso lo stabilimento Saf per realizzare un servizio sull’impianto, intervistando tra l’altro il presidente Fardelli, sulla difficile situazione che si verrebbe a creare con l’eventuale arrivo dei rifiuti romani. Il servizio del telegiornale della terza rete nazionale andrà in onda nelle prossime edizioni. Insomma sulla questione rimane alta la guardia anche con l’attenzione della stampa nazionale.

74
Da: ; ---- Autore: