Rifiuti, sequestrate le carte – I militari hanno portato via un corposo faldone riguardante la Sangalli. L’iniziativa potrebbe essere scaturita dagli esposti della minoranza o dalle indagini in atto. Nelle scorse settimane Marcello Marzilli aveva chiesto chiarimenti

ARCE – Gestione dei rifiuti, sequestrate le carte in municipio. Lunedì pomeriggio i carabinieri di Arce, coordinati dal comando compagnia di Pontecorvo, su delega della procura della Repubblica di Cassino, si sono recati in Comune per prelevare documenti e atti inerenti l’appalto dei rifiuti solidi urbani. Gli uomini dell’Arma si sono trattenuti per circa un paio di ore presso l’ufficio tecnico e sono andati via con un faldone abbastanza corposo. E’ ora da capire se tali acquisizioni sono correlate direttamente alle indagini della procura di Monza o a un nuovo filone investigativo, partito dagli esposti dei consiglieri di minoranza sui fatti che riguardano la ditta Sangalli e il Comune di Arce. Nelle scorse settimane, infatti, era stato Marcello Marzilli a chiedere chiarezza su alcuni atti amministrativi riguardanti proprio la gestione del servizio raccolta dei rifiuti. Il consigliere comunale d’opposizione sollecitava l’ufficio tecnico comunale a fornire risposte esaurienti sull’appalto del servizio. In particolare Marzilli si era soffermato su quattro aspetti. Il primo sulle proroghe concesse alla Sangalli in attesa di una nuova aggiudicazione della gara, chiedendo di conoscere se poteva essere accordata l’estensione temporale dell’appalto. Poi l’ex assessore aveva chiesto conto al funzionario responsabile della vicenda relativa a un impegno di spesa del Comune, con il quale si acquistavano i sacchetti traslucidi per la raccolta della differenziata porta a porta dalla Scau Ecologica. La nuova gara d’appalto non è stata ancora aggiudicata anche se ufficiosamente è trapelato che la commissione costituita ad hoc dal funzionario dell’Utc avrebbe terminato il proprio lavoro di sintesi tra le ditte partecipanti decretando proprio alla Sangalli l’aggiudicazione del nuovo appalto. Intanto l’azienda continua a svolgere il servizio di raccolta in regime di proroga.

18