Riserva Naturale – Fraioli non arretra e scrive al Prefetto

ARCE – «Bortone è incompatibile, scelga tra la carica di consigliere comunale e quella di commissario».
L’ex presidente della Riserva Naturale d’Isoletta, Antonio Fraioli, torna a tuonare contro i vertici dell’azienda di palazzo Rescigni.
Fraioli nei giorni scorsi ha inviato una nota al Prefetto di Frosinone (e per conoscenza alla Procura della Repubblica di Cassino, al Ministro dell’Interno e al Presidente della Provincia di Frosinone) nella quale chiede di «ristabilire la legalità attivando l’azione di cui all’articolo 82 del decreto del Presidente della Repubblica 16 maggio 1960, n. 570». Nella missiva l’ex presidente evidenzia come l’attuale commissario, nominato dalla Provincia, sarebbe incompatibile con la carica di consigliere comunale del Comune di San Giovanni Incarico. I motivi, sempre secondo Fraioli, sarebbero riconducibili alle norme contenute nel testo unico degli enti locali che dispone l’incompatibilità tra il consigliere comunale e l’amministratore di azienda soggetta a vigilanza e cioè in cui il Comune di appartenenza detenga almeno il 20% di partecipazione. Percentuale questa superata dal comune di San Giovanni e che quindi porrebbe l’attuale commissario in situazione giuridica di incompatibilità.
«Bortone – scrive Fraioli in un passaggio della richiesta inviata al Prefetto – riveste la duplice funzione di controllo e di finanziamento della Riserva stessa facendone conseguire la chiara incompatibilità».

19