«Rodaggio terminato, Comune poco attento» – ‘Pubblica illuminazione carente o spenta e manutenzione inefficace’

ARCE – «E’ tempo di risposte, la maggioranza si attivi almeno per l’ordinaria amministrazione».

Fabrizio Rossi, coordinatore provinciale del Movimento per le Autonomie ed ex consigliere comunale di Arce, torna a parlare dei problemi del paese.

«Il periodo del rodaggio è terminato – ha esordito Rossi – è giunto il momento di dimostrare che il cambiamento tanto invocato e propagandato è nei fatti. Sono sempre stato del parere – ha spiegato il coordinatore – che  una nuova amministrazione dispone di cinque anni per portare a compimento il programma sottoposto agli elettori, e non cambierò opinione. Tuttavia, occorre scindere l’ordinaria amministrazione, che richiede un periodo di tempo breve per essere attuata, dalla realizzazione di opere strategiche per il paese. Quello che i cittadini si aspettano da un’amministrazione è la cura della quotidianità e quindi il monitoraggio dei disservizi presenti nel paese. Rimango perplesso e allibito nel vedere che la pubblica illuminazione rimane spenta per mesi e che la manutenzione delle strade e del cimitero rappresenta un optional. Allo stesso tempo riflesso sulla latitanza dell’amministrazione comunale in merito alla vicenda della ex Sigicar. Di questa struttura si conoscono soltanto le attività che ha svolto in passato dopo di che si è creato un vuoto. Ragionare sul futuro dell’impianto – ha aggiunto ancora – significherebbe valutare anche l’ipotesi di una riconversione che arginerebbe i timori della nostra comunità e al contempo rappresenterebbe un volano per  il rilancio economico ed occupazionale del territorio. E’ del tutto evidente che essendo una struttura privata bisogna relazionarsi con la proprietà. Per questo motivo chiedo nuovamente al sindaco Simonelli di attivarsi e convocare la proprietà al fine di trovare una soluzione condivisa. Chiedo altresì al primo cittadino di attivarsi tempestivamente al fine di porre rimedio alle numerose disfunzioni che albergano nel paese. Rivolgo inoltre un invito a tutti i consiglieri comunali, e in particolare a quelli di minoranza, a vigilare più compiutamente sulle problematiche esistenti sul territorio nell’interesse di tutti i cittadini, nessuno escluso. Volgo l’occasione – ha concluso Fabrizio Rossi – per augurare a tutti i cittadini di trascorrere una santa e serena Pasqua».

 

17