Scrutatori – Nardone chiede un metodo più democratico

ARCE – «Nomina degli scrutatori, si proceda con un metodo più opportuno e democratico».
A sostenerlo è il capogruppo d’opposizione di “Federazione della Sinistra – Socialismo 2000”, nonché membro della Commissione Elettorale del Comune di Arce, Gianni Nardone.
Lunedì prossimo, infatti, la commissione è stata convocata per la designazione degli scrutatori. Argomento questo, che nell’ultima consultazione elettorale, quella delle regionali, è stato terreno di aspre critiche non solo a livello politico. La nuova amministrazione decise di cambiare il sistema di nomina da quello a sorteggio a scelta diretta, motivando che si sarebbero voluti avvantaggiare le persone giovani e quelle senza occupazione. Ma le polemiche divamparono dopo che i nominativi vennero resi pubblici. Ad aggravare la situazione furono anche le indiscrezioni secondo le quali ogni consigliere di maggioranza, ad eccezione di qualcuno, indicò un proprio nominativo di riferimento.
«Come componente di minoranza della commissione – ha dichiarato Nardone in un comunicato stampa – lunedì prossimo proporrò che le nomine degli scrutatori avvengano tramite sorteggio tra tutti gli iscritti all’apposito albo comunale. Non solo, ritengo giusto che si proceda ad estrazione tra coloro che siano nelle condizioni di inoccupazione lavorativa, certificata da apposita iscrizione negli elenchi dei disoccupati, e che non abbiano prestato la loro opera come componenti nei seggi elettorali di Arce negli ultimi 5 anni. Tale proposta – prosegue Nardone – che ho concordato con i vertici nazionali del mio partito, ritengo possa essere la più adatta e responsabile in un momento di grave crisi economica come quella che stiamo attraversando. Anche un incarico di così modesta entità – ha concluso Nardone – che probabilmente verrà remunerato tra svariati mesi, deve rispondere secondo noi a criteri di massima trasparenza».

18