Seconda sconfitta consecutiva per il Frosinone, al comunale passa la Reggina – Finisce 1 a 2 per i calabresi che espugnano il terreno del Matusa, ma alla fine il Frosinone recrimina per almeno due interventi dubbi sui suoi giocatori che fanno gridare al tigore ma il direttore di gara non si accorge di nulla relegando i canarini ad ingoriare l’ennesimo boccone amaro.

FROSINONE
dal nostro inviato Max Marzilli

Carboni deve fare a meno di Santoruvo e Stellone e rilancia in attacco Di Carmine. Solito 4-4-2 con Catacchini, Teranova, Guidi e Bocchetti davanti a Sicignano, Cariello, Bottone, Grippo e Lodi in mediana, in attacco Sansone e Di Carrmine. Atzori risponde con un 3-5-2 che vede Bonazzoli e Campagnacci terminali offensivi.
Il Frosinone si arrende alla Reggina che nell’insolito orario delle 12:30 sbanca il comunale battendo i canarini 2-1. Tanta sfortuna per gli uomini di Carboni dopo che galvanizzati dal rigore che di fatto ha accorciato le distanze hanno condotto a senso unico la gara ma non trovando il tap in vincente per poter ristabilire il risultato. Da rivedere i due rigori non concessi dall’arbitro per fallo di mano di Rizzo nel primo tempo e atterraggio di Di Carmine nella ripresa. Al matusa termina 2-1 per gli uomini di Atzori.
Dopo in minuto di raccoglimento in onore dei caduti italiani la gara prende il via.
Accade praticamnete tutto o quasi  nei primi 20 minuti in cui le emozioni non mancano, tre goal e una traversa colpita da Lodi.
Gara subito in salita per il Frosinone al 3’ calcio di rigore per gli ospiti per sospetto fallo di mano di un calciatore canarino durante la battuta di un corner a favore dei reggini. Dagli undici metri trasforma Viola.
Al 15’ raddoppio della Reggina con Bonazzoli. Punizione dalla sinistra battuta da Viola, la palla giunta in area canarina viene raccolta di testa dal bomber amaranto che insacca all’incrocio anticipando un difensore giallazzurro. Al 18’ calcio di rigore per i canarini per atterraggio di Sansone in area amaranto da parte di Giosa. Dagli undici metri Lodi spiazza Puggioni e accorcia le distanze.
Sul finale del primo tempo prima grossa contestazione nei confronti del signor Massa di Imperia arbitro dell’incontro
Al 41’ netto fallo di mano di Rizzo che si è opposto con le braccia proprio dopo una conclusione a rete di Sansone.
Finisce il primo tempo con i calabresi avanti per 2 a 1
Il secondo tempo comincia con gli stessi undici del primo tempo.
La gara si trascina con i locali a cercare il apreggio, rinunciataria la formazione dello stretto.
Ad un quarto d’ora dalla fine l’altro episodio molto dubbio.
 Atterraggio in area di Di Carmine da parte di Acerbi, fallo netto ma per l’arbitro non è rigore. Ancora una decisione assurda da parte del direttore di gara.
Poi il nulla e incrdibile immeritata sconfitta per i canarini che devono subito cancellare questa sconfitta mercoledì nel turno infrasettimanale viaggio in casa dell’Albinoleffe.

 

Max Marzilli

 foto www.frosinonecalcio.com

20
Da: ; ---- Autore: