Seconda sconfitta consecutiva per il Frosinone – Allo stadio comunale passeggia il Sassuolo che vince per 3 reti a 0

Questo racconto lo vogliamo comunque cominciare dalla fine della partita, quando pur avendo perso contro il Sassuolo, peraltro in maniera netta, tutto il gruppo del Frosinone calcio è andato a salutare il numeroso pubblico accorso per incitare i propri beniamini, raccogliendo un caloroso applauso di incoraggiamento e un segnale di grande attaccamento per la maglia gialloazzurra, veramente notevole il comportamento dei tifosi, da imitare.
La gara, torna a giocare in casa il Frosinone che dopo la sconfitta di Ancona l’avversario di turno è il Sassuolo che in questa 12° giornata scende al matusa in formazione largamente rimaneggiata ma con l’intenzione di continuare coltivare ambizioni di primato.
Il mister ospite Pioli schiera un 4-3-1-2 con Solvetti dietro le punte che in questa gara sono Zampagna e Martinetti.
Problemi di formazione anche per Moriero che non può disporre di Scarlato, Caremi e Ascoli fermi in infermeria e degli squalificati Cariello e Gucher, solito lo schema 4-3-1-2 davanti a Sicignano operano Bocchetti, Maietta, Guidi e Del Prete, Basha e Bolzoni sulla mediana, Santoruvo in attacco con Basso, Mazzeo e Troianello di supporto.
Il Frosinone gioca per cancellare la sconfitta dell’ultimo turno, ma da subito si capisce che la giornata non sarebbe stata da ricordare anzi da cancellare subito, giocatori nervosi e mai in partita con un approccio sbagliato anche in alcuni elementi mai presenti e in alcuni casi avulsi dalla gara, ne approfitta il Sassuolo che diligentemente svolge il suo compitino colpendo con delle ripartenze tanto care proprio ai ragazzi di Moriero e chiudendo la gara già alla fine del primo tempo.
Passano solo 10 minuti e gli ospiti passano, Gorzegno apre sulla sinistra per Bianco che ha tutto il tempo di crossare e di offrire in area per Zampagna che da solo di testa mette in rete, uno a zero e difesa latitante.
Passano 13 minuti in cui il Frosinone sembra scioccato, incapace di reagire anzi proprio, quando si pensava ad una rimonta dei locali era servito il colpo del ko definito, minuto 23 fallo in area canarina di Guidi che stende Fusani, l’arbitro prima assegna il rigore per il Sassuolo e poi mostra il cartellino rosso per Guidi che lascia i compagni in inferiorità numerica, sul dischetto va Solvetti che non sbaglia, Frosinone 0 Sassuolo 2. Terribile.
Frosinone in dieci e frastornato gara compromessa definitivamente con le idee annebbiate da un inizio scioccante, purtroppo la giornata storta viene ancora di più evidenziata proprio al 43° quando tutta la difesa canarina si auto distrugge regalando al limite dell’area la palla della terza rete degli ospiti, minuto 43° Martinetti ringrazia e batte per la terza volta il portiere canarino. Roba da matti.
E poi? Niente più tutto il Frosinone rimane annichilito e basito, la gara scivola senza sussulti verso al fine registrando solo l’espulsione del sassuolese Titone entrato al 60 ed espulso al 75° per doppia ammonizione.
Gara chiusa già nella prima parte e riflessioni da fare in seno alla dirigenza frusinate che dovrà riflettere sulle sei reti incassate nelle due ultime partite.
Certo che gli obbiettivi reali in casa del Frosinone sono quelli di raggiungere da subito la quota salvezza, rimane lo strepitoso inizio di questa stagione che queste sconfitte non possono cancellare, ora bisogna stare tranquilli e voltare subito pagina già nel prossimo turno in casa del Gallipoli.
Tutti devono restare vicini a questo gruppo, i tifosi lo hanno dimostrato oggi gli altri quelli abituati a parlare dovranno farlo subito, non a caso che queste sconfitte siano maturate, quando le polemiche per fatti che gravitano intorno a questa realtà siano capitate proprio in queste settimane. Meditate gente meditate.

 

Max Marzilli

 

30
Da: ; ---- Autore: