Serena, nuovo incontro in Procura – Intanto stamane il boschetto di Fonte cupa sarà intitolato alla studentessa uccisa

ARCE – Delitto Mollicone, il Procuratore convoca le parti per il 30 ottobre. Oggi, intanto, l’intitolazione dell’area di Fonte Cupa alla studentessa di Arce.
Potrebbe essere l’inizio di una nuova serie di accertamenti, l’oggetto dell’incontro voluto dal procuratore capo di Cassino Mario Mercone. È molto probabile, infatti, che i sei indagati dovranno essere sottoposti a nuovi test irripetibili. E non solo loro, dal momento che potrebbero essere sottoposte agli accertamenti anche nuove persone.
Nella giornata di ieri sarebbero stati notificati agli avvocati e alle parti interessate gli avvisi di convocazione.
«Non ho ancora ricevuto nulla, anche se mi hanno chiamato per avvisarmi della notifica di un atto» ha detto papà Guglielmo. «Aspettiamo fiduciosi di capire cosa abbia tra le mani la Procura. Perché – ha aggiunto il maestro Mollicone – una cosa mi lascia ben sperare: la proroga delle indagini, richiesta ed ottenuta, per altri sei mesi. Sono convinto che gli inquirenti hanno elementi validi per giustificare un simile lasso di tempo, considerando anche che il permesso ad eseguire ulteriori indagini arriva quasi contestualmente ai risultati negativi degli accertamenti scientifici eseguiti dal Racis. Continuo a convincermi – prosegue ancora – che l’ambiente in cui si sta indagando sia quello giusto. Ho chiesto più volte che si torni nell’appartamento della caserma e si facciano esami anche sotto il pavimento. Proprio lì potrebbero emergere elementi importanti».
Intanto, questa mattina, il boschetto di Fontecupa a Fontana Liri diventa “Fonte Serena”.
Dopo oltre cinque anni di attesa il comune di Fontana Liri ha ottenuto dall’Astral il nullaosta per l’installazione di una palina con targa alla memoria della studentessa di Arce.
«La palina – ha scritto in un comunicato il sindaco Giuseppe Pistilli – è stata installata nei pressi del ciglio della Strada Regionale “Valle del Liri”, al km 68,100. Con la cerimonia di questa mattina verrà resa visibile la targa che, in questo modo, legherà il toponimo al luogo dove è stata ritrovata, barbaramente uccisa, la giovane Serena Mollicone».

16