Sigilli al Guado Forestiero – Denunciato il responsabile di zona dell’Acea Ato 5, un 53enne di Vallerotonda

ARCE – Sequestrata l’area verde tra le frazioni di Portone e Campanile denominata “Guado Forestiero” e denunciato il responsabile di zona dell’Acea Ato 5.
L’operazione è stata condotta, nella tarda serata di martedì scorso, dai carabinieri della stazione di Arce, al comando del maresciallo Gaetano Evangelista e sotto la direzione della Compagnia di Pontecorvo del capitano Pierfrancesco Di Carlo.
Dopo accurate indagini, effettuate unitamente a personale dell’Arpa Lazio, i militari hanno verificato il deposito di rifiuti speciali non pericolosi (parti meccaniche ed elettrodomestici) nella zona gestita dalla società idrica e denunciato a piede libero un 53enne residente a Vallerotonda, S.A., ritenuto responsabile del danneggiamento di acque pubbliche e deposito incontrollato di rifiuti da parte di titolari di imprese e di responsabili di enti. Tutto è partito dalle segnalazioni di alcuni residenti, ospitate solo pochi giorni fa dal nostro quotidiano, in seguito alle quali i militari hanno effettuato un sopralluogo nell’area incriminata e constatato la reale emergenza ambientale, causata principalmente dal depuratore, attivo solo per pochissimo tempo ma presto lasciato nel più totale abbandono. Una schiuma bianca, insieme a ingenti quantitativi di reflui domestici, si disperdevano nel rio che attraversa le campagne di Campostefano e si ricongiunge con il fiume Liri. Non solo: odori nauseabondi sono avvertiti dalle diverse abitazioni che insistono anche a centinaia di metri dal rivolo, diventando peraltro ricettacolo di animali e insetti di ogni tipo, dai topi alle bisce, dai serpenti alle zanzare. Evidente e comprensibile la preoccupazione mista a rabbia dei residenti che hanno chiesto l’intervento dell’amministrazione e ottenuto un celere provvedimento da parte delle forze dell’ordine, che martedì hanno apposto i sigilli all’intera area, una zona di circa 300 metri quadrati, e sottoposto a sequestro preventivo l’impianto delle pompe di sollevamento dell’impianto fognario. Sul posto si sono portati anche gli agenti della Polizia locale di Arce.

8