‘Sospeso’ il presidente della Riserva naturale – Il Tar ha accolto l’istanza presentata dal Comune di San Giovanni Incarico

Il Tar sospende la nomina di Fraioli come presidente della Riserva Naturale. I giudici hanno accolto il ricorso presentato dal Comune di San Giovanni Incarico.
Prosegue, a colpi di scena, la querelle per la gestione dell’azienda speciale. Il Tar di Latina ha accolto l’istanza cautelare e sospeso la deliberazione dell’assemblea dello scorso 23 gennaio 2015 con la quale è stato nominato presidente Antonio Fraioli. Non solo, il dispositivo nel fissare la trattazione del merito al prossimo 18 giugno, ha sospeso anche la nomina del commissario Antonio Trento e la convocazione dell’assemblea dallo stesso effettuata.
«Giustizia è fatta». Ha commentato soddisfatto il vicesindaco di San Giovanni Incarico Paolo Fallone. «Il vero presidente è Giorgio Bortone – ha ripreso – ed è stata una vittoria della democrazia su chi sfonda le porte con la prepotenza». Parole di soddisfazione sono state espresse anche da Giorgio Bortone. «Non ho mai dubitato di questo risultato – ha detto – perché credo nella giustizia. Voglio ringraziare chi mi ha sempre sostenuto anche quando sono stato messo da parte ingiustamente e rassicurare tutto il personale della Riserva che subito si tornerà alla normalità».
«E’ importante sottolineare – ha dichiarato invece Antonio Fraioli – che il Tar ha riconosciuto la posizione dell’assemblea sull’inconferibilità dell’incarico a Bortone e quindi la necessità di procedere a una nuova nomina. Per quanto riguarda la mia incompatibilità vedremo se questa è competenza o meno del Tar. Comunque – ha concluso – per ovviare a questi problemi e per fare chiarezza, sto valutando la rinuncia agli atti che hanno dato origine alla lite».
 

25