Travolse e uccise un’anziana sulle strisce – Parte il processo

Donna travolta e uccisa, un rinvio a giudizio. A quasi un anno dall’investimento mortale della signora Emilia Fabozzi, la Procura della Repubblica di Cassino ha rinviato a giudizio F.I. di 57 anni, residente a Latina. L’uomo, il 22 dicembre 2013, ha investito e ucciso l’ottantunenne che sulle strisce stava attraversando la strada regionale Casilina quanto è stata travolta dalla Fiat Panda. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo alla guida, domiciliato a Roccasecca, non avrebbe proprio visto attraversare la signora che, nonostante i soccorsi tempestivi, si è spenta nella stessa notte presso l’ospedale di Frosinone a seguito dei politraumi subiti. La Procura nel gennaio scorso, per tramite del magistrato Arianna Armanini, aveva aperto un fascicolo e iscritto l’uomo nel registro degli indagati con l’ipotesi di omicidio colposo. Ora a seguito dell’acquisizione di diverse fonti di prova sarebbe emersa sia la negligenza, che l’imprudenza e l’imperizia dell’imputato che, oltre a non osservare una serie di norme sulla circolazione stradale, viaggiava ad una velocità di 85 km/h in un tratto urbano. Nonostante la sua età, Emilia era una persona molto attiva. La gravità dell’incidente riaprì una questione ancora irrisolta sulla pericolosità del tratto viario, dove da anni gli abitanti della zona chiedono interventi importanti capaci di evitare il ripetersi di tragedie del genere. La famiglia Fabozzi è assistita dal legale Roberto D’Auria di Arce.

23